Temi ambientali
Arpae in regione
Arpa Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Idro-Meteo-Clima /

Riscaldamento della Terra: nel 2015 +1,86°C in Emilia-Romagna

In Emilia-Romagna il riscaldamento è più rilevante rispetto a quello medio del Pianeta: fino a +2°C in estate.

(22/01/16) 

I maggiori centri di ricerca climatica mondiali (MetOffice-HadleyCentre, NASA-NOAA) hanno certificato che il 2015 è stato l’anno più caldo dal 1850, con uno scarto notevole, in termini statistici, rispetto al precedente record stabilito nel 2014. Se si considera che i cinque anni più caldi sono tutti stati registrati a partire dal 2000, appare evidente come il trend di aumento di temperatura si stia rafforzando, oscurando la normale variabilità climatica interannuale.

Lo sbilanciamento energetico indotto dall’aumento delle concentrazioni del gas serra sta facendo infatti accumulare, nelle profondità oceaniche, grandissime quantità di energia, che poi vengono lentamente cedute all’atmosfera, determinandone un aumento di temperatura.

Il trend è quindi destinato a continuare anche nei prossimi anni e bisogna intervenire al più presto al fine di ridurre il più possibile l’ulteriore immissione di gas climalteranti in atmosfera. Il MetOffice prevede infatti anche per il 2016 temperature record a causa appunto della “memoria lunga” dei mari che quest’anno hanno raggiunto una temperatura superficiale molto elevata, anche grazie alla emersione di acque calde legate al fenomeno di El Niño. 

Se a livello globale si parla di anomalie di temperatura annuali dell’ordine di +0.75°C rispetto al clima 1961-1990, le differenze a livello locale sono molto maggiori, poiché il cambiamento climatico non agisce in maniera omogenea su tutto il pianeta. Ci sono regioni della terra che risentono maggiormente di questo cambiamento, come le regioni artiche, quelle continentali dell’emisfero nord e la regione Mediterranea. 

Per questo è interessante confrontare le anomalie globali con quelle medie dell’Emilia-Romagna Emerge che le variazioni sulla nostra regione risultano essere più del doppio rispetto a quelle globali.

Dall’analisi appena completata dei dati dell’Emilia-Romagna, il 2015 si conferma il più caldo sulla nostra regione con +1,86°C di scarto rispetto alla media 1961-1990, appena sopra il 2014 (+1,84°C) che finora risultava essere il più caldo. La media degli ultimi cinque anni è pari a +1.5°C. Se poi andiamo a verificare in quale parte dell’anno la variazione è più alta, vediamo che gli incrementi maggiori si osservano d’estate, con le temperature medie estive aumentate di ben +2 °C.





Versione stampabileVersione stampabile