Temi ambientali
Arpae in regione
Arpa Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Mare e costa /

Ripascimento costa adriatica: interventi da marzo 2016

Otto le località della riviera interessate dall´intervento. Fine dei lavori prevista a giugno.

(12/02/16) 

È stata aggiudicata la gara per le opere di ripascimento artificiale della costa bandita dal Servizio tecnico di Bacino “Po di Volano e della costa”.
Il ripascimento, in geomorfologia e in geologia, è il fenomeno naturale di riporto lungo i fiumi, i laghi e le coste marine di quantità di sabbia per l´azione dello scorrere delle acque lungo i fiumi e per l´azione delle onde e delle correnti in mare (fonte wikipedia). 

In regione sono otto le località interessate dall´intervento di ripascimento: Misano, Riccione, Rimini nord-Bellaria-Igea Marina, Cesenatico, Milano Marittima nord, Lido di Dante, Punta Marina, Lido di Spina. In ognuna di queste località, nei prossimi giorni, partiranno gli incontri con le amministrazioni locali, le associazioni di categoria degli operatori di spiaggia per concordare le modalità operative di allestimento dei cantieri in modo da minimizzarne l’impatto sulle varie attività.

Era questo l’impegno che avevamo preso dopo gli eventi calamitosi del 5 e 6 febbraio dello scorso anno - sottolinea l’assessore regionale alla Difesa del suolo e della Costa Paola Gazzolo - . Impegno ribadito nell’accordo con il Ministero dell’Ambiente firmato nel novembre scorso a Ecomondo. Possiamo dire che quest’intervento rappresenta la prima infrastruttura verde marina che si attua in Italia”.

I lavori partiranno a inizio marzo, mentre la fine del cantiere è prevista per giugno. Si tratta di una tempistica da record resa possibile da una novità assoluta: il lavoro contemporaneo, 24 ore su 24 compresi i sabati e le domeniche, di due draghe che ‘arricchiranno’ le spiagge delle otto località costiere con 1 milione e 200mila metri cubi di sabbia di ottima qualità, al ritmo calcolato di 23/25000 metri cubi al giorno.

La stima dei costi è di 20 milioni di euro, di cui 1 milione e mezzo provenienti dalla Regione Emilia-Romagna e i rimanenti dal Ministero dell’Ambiente.
Quest´importante intervento  è il terzo, in ordine di tempo, che si attua sulla costa romagnola: i precedenti risalgono agli anni 2002 e 2007.

Maggiori informazioni
Notizia su ER-Ambiente

Sito tematico web Mare e costa

(rr)

 



Versione stampabileVersione stampabile