Organizzazione di un sistema di sorveglianza ambientale e valutazione epidemiologica nelle aree circostanti gli impianti di incenerimento in Emilia-Romagna

Progetto Moniter


In Emilia-Romagna sono attivi otto inceneritori di rifiuti urbani, che smaltiscono in un anno poco più del 4% dei rifiuti complessivamente prodotti in regione, e il 18% di quelli classificati come "rifiuti urbani", vale a dire circa 540.000 tonnellate su 3.000.000 (dati Arpa 2009). Il progetto triennale Moniter, monitoraggio degli inceneritori nel territorio dell´Emilia-Romagna, promosso da Rer e Arpa, ha l´obiettivo principale di "organizzare un sistema di sorveglianza ambientale e valutazione epidemiologica nelle aree circostanti gli impianti di incenerimento in Emilia-Romagna", come dice il suo titolo "ufficiale". Si tratta, cioè, di sistematizzare le conoscenze esistenti, che sono molte e importanti, di uniformare le metodologie di monitoraggio ambientale degli impianti di incenerimento rifiuti (i sistemi presenti da lungo tempo non sempre sono completamente comparabili tra loro, perché frutto dell´applicazione di metodi parzialmente diversi), di acquisire nuove conoscenze relative alle caratteristiche qualitative e quantitative degli inquinanti emessi dagli impianti e presenti in ambiente e, soprattutto, di integrare conoscenze ambientali e conoscenze epidemiologiche e sanitarie. Quest´ultimo aspetto, la valutazione con approccio omogeneo dello stato di salute della popolazione esposta alle emissioni degli inceneritori di rifiuti urbani in esercizio nel territorio regionale, rende il progetto Moniter un´attività sperimentale pressoché inedita, non solo in Italia, per dimensione e ampiezza dell´indagine.

Un ulteriore obiettivo del progetto è quello di definire i criteri di effettuazione della Valutazione di Impatto Sanitario (VIS) di eventuali futuri impianti, alla cui stesura forniranno un indirizzo i risultati e i prodotti intermedi del progetto.
La motivazione a realizzare questo studio nasce dalla consapevolezza che sono ancora inadeguate le evidenze relative agli effetti sulla salute degli impianti di incenerimento rifiuti, così come non sono ancora esaustive le informazioni relative a qualità e quantità delle sostanze emesse, per tecnologia utilizzata e tipologia dei rifiuti trattati. 
L´esistenza di piccoli o grandi margini di incertezza riguardanti gli effetti sanitari e ambientali delle attività umane genera in tutti noi cittadini preoccupazione, a volte allarme, e comunque ci induce a chiedere maggiori conoscenze e maggiore controllo.

╚ in questo quadro che gli Assessorati regionali "Ambiente e Sviluppo Sostenibile" e "Politiche per la Salute", in collaborazione con gli Enti Locali e con Arpa hanno dato vita al progetto Moniter, che si prefigge di raggiungere nel triennio 2007 - 2009 un sistema di controllo e conoscenze tale da consentire la periodica diffusione ai cittadini di tutte le informazioni disponibili sulle emissioni di sostanze frutto della combustione e sugli eventuali rischi ambientali e sanitari ad esse connessi.
Il progetto dovrà inoltre curare gli aspetti della informazione e comunicazione partecipata con la popolazione e i suoi organismi di rappresentanza.


Il costo complessivo ammonta a oltre 3 milioni di Euro, comprensivi di spese di funzionamento e generali (compreso il costo delle giornate lavorative delle persone impegnate) e spese di investimento (in nuove apparecchiature e centraline di monitoraggio, strumenti di analisi, ecc.).

 

Nuova versione del progetto Moniter a seguito delle modifiche apportate con la delibera 536 del 21.04.2008 della Giunta regionale.

 

Descrizione sintetica del progetto (pdf 92 kb)

Linee di progetto

Delibera regionale  (pdf 49 kb)

Progetto  (pdf 745 kb)

 

Risultati del progetto Moniter




Versione stampabile Versione stampabile