Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Aria / Liberiamolaria / Limitazioni per Comune /

Formigine (Mo)

Le ordinanze dei Comuni aderenti al PAIR saranno modificate entro il mese di ottobre 2018. Le nuove regole entreranno in vigore con l´emissione delle nuove Ordinanze comunali.

Approfondisci qui le novità previste.

 

Informazioni. Contatti: 059 416111 -  urp@comune.formigine.mo.it
Vai al sito web del Comune


Limitazioni alla circolazione dal 1° ottobre 2018 al 31 marzo 2019 nel comune di Formigine (Mo)

Ordinanza del Comune di Formigine del 1 ottobre 2018, n. 336
Allegato A - mappa limitazioni
Allegato B - Autoveicoli per trasporti specifici e uso speciale
Allegato C - Altri veicoli ad uso speciale oggetto di deroga ai provvedimenti di limitazione della circolazione


SINTESI ORDINANZA

Limitazioni alla circolazione

Periodo e orari delle limitazioni:

  • dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 18.30
  • domeniche ecologiche dalle 8.30 alle 18.30 (7 ottobre, 4 novembre 2018; 13 gennaio, 3 febbraio, 3 marzo 2019)
  • il divieto di circolazione è sospeso nei giorni festivi di giovedì 1 novembre, sabato 8 dicembre, martedì 25 dicembre, mercoledì 26 dicembre 2018; martedì 1 gennaio 2019. 

Veicoli che NON possono circolare:

  • veicoli benzina Pre Euro e Euro 1;
  • veicoli diesel Pre Euro, Euro 1, Euro 2 e Euro 3, Euro 4;
  • ciclomotori e motocicli Pre Euro.

Possono sempre circolare:

  • autoveicoli alimentati benzina/gpl e benzina/metano
  • autoveicoli elettrici e ibridi
  • ciclomotori e motocicli elettrici
  • autoveicoli con almeno 3 persone a bordo se omologati per 4 o più posti e con almeno 2 persone, se omologati per 2 o 3 posti a sedere (car pooling)
  • autoveicoli immatricolati come autoveicoli per trasporti specifici e autoveicoli per uso speciale, come definiti dall’art. 54 del Codice della Strada e dall´art. 203 del Regolamento di Esecuzione e Attuazione del Codice della Strada. 

 

Biomasse legnose

Dal 1 ottobre 2018 al 31 marzo 2019, in tutto il territorio comunale, nelle unità immobiliari dotate di riscaldamento multicombustibile, è vietato utilizzare biomasse (legna, pellet, cippato, altro):

  • nei generatori alimentati a biomasse combustibili solide con certificazione ambientale inferiore a 2 stelle
  • nei focolari aperti o che possono funzionare aperti

È inoltre obbligatorio utilizzare, nei generatori di calore a pellet di potenza termica nominale inferiore a 500 Kw, pellet che, oltre a rispettare le condizioni previste dall’allegato X, Parte II, sezione 4, paragrafo 1, lettera d) alla parte V del D. Lgs. 152/2006, sia certificato conforme alla classe A1 della norma UNI EN ISO 17225-2 da parte di un Organismo di certificazione accreditato. 

 

Misure emergenziali

In caso di 4 o più giorni consecutivi di superamento del limite giornaliero di PM10 precedenti il giorno di controllo (lunedì e giovedì), e con previsioni che confermano la tendenza, scattano le misure emergenziali:

- La temperatura negli ambienti di vita riscaldati non deve superare i 19°C (+ 2°C di tolleranza) negli edifici adibiti a residenza ed assimilabili, uffici ed assimilabili, attività ricreative e di culto ed assimilabili, attività commerciali ed assimilabili; 17°C (+2 di tolleranza) nei luoghi che ospitano attività industriali, artigianali ed assimilabili;
- Divieto per tutti i veicoli di sostare a motore acceso;
- Divieto di utilizzo di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (legna, pellet, cippato, altro) con classe di prestazione emissiva inferiore a 3 stelle o in focolai aperti o che possono funzionare aperti, nelle unità immobiliari dotate di impianto alternativo. Sono esclusi da questa indicazione gli edifici scolastici;
- Divieto assoluto di combustioni all’aperto (barbecue, falò…..) comprese le operazioni di bruciatura di sterpaglie, residui di potatura, scarti vegetali di origine agricola ai sensi dell’Art. 182, comma 6 bis, del D. Lgs. 152/2006. Sono escluse le operazioni di bruciatura di residui di potatura che per disposizioni legislative devono essere bruciati in loco;
- divieto di spandimento di liquami zootecnici fatte salve specifiche deroghe della Regione Emilia Romagna (escluse dalle limitazioni le tecniche di spandimento con interramento immediato dei liquami zootecnici e/o con iniezione diretta al suolo).

 

Bollettino Misure emergenziali | Infografica misure emergenziali