Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Aria / Liberiamolaria / Limitazioni per Comune /

Parma

Limitazioni alla circolazione dal 1° ottobre 2020 al 31 marzo 2021 nel comune di Parma

 

SINTESI ORDINANZA 

 

Periodo dal 1° ottobre 2020 al 10 gennaio 2021

1. MISURE STRUTTURALI

Dal 01/10/2020 al 10/01/2021, dal lunedì al venerdì, dalle 08.30 alle 18.30, in tutta l’area interna alle tangenziali come da planimetria costituente l’allegato 1 (eccetto che nelle giornate festive del 08/12/2020, 25/12/2020, 26/12/2020, 01/01/2021 e 06/01/2021) e nel parco Area delle Scienze (Campus Universitario), l’istituzione del divieto totale di circolazione per le seguenti categorie di veicoli:
A) veicoli con accensione comandata (alimentati a benzina) omologati pre Euro ed Euro 1;
B) veicoli con accensione spontanea (diesel) cat. M1, M2, M3, N1, N2, N3 omologati pre Euro, Euro 1, Euro 2 ed Euro 3;
C) ciclomotori e motocicli omologati pre Euro.

2. DOMENICHE ECOLOGICHE

Nelle domeniche ecologiche previste il 04/10/2020, 18/10/2020, 15/11/2020, 29/11/2020, 13/12/2020, 10/01/2021, dalle 08.30 alle 18.30, in tutta l’area interna alle tangenziali, come da planimetria costituente l’allegato 1, l’istituzione del divieto totale di circolazione per le seguenti categorie di veicoli:
A) veicoli con accensione comandata (alimentati a benzina) omologati pre Euro ed Euro 1;
B) veicoli con accensione spontanea (diesel) cat. M1, M2, M3, N1, N2, N3 omologati pre Euro, Euro 1, Euro 2, Euro 3;
C) ciclomotori e motocicli omologati pre Euro.

3. MISURE EMERGENZIALI 

Adozione delle seguenti misure emergenziali, all’interno del periodo di attivazione delle limitazioni alla circolazione ordinarie (01/10/2020-10/01/2021), per rafforzare le misure ordinarie al verificarsi degli episodi acuti di inquinamento qualora il bollettino emesso da Arpae il lunedì o il giovedì, individuati quali giorni di controllo, dovesse evidenziare l’avvenuto superamento continuativo nei tre giorni antecedenti del valore limite giornaliero del PM10, a partire dal giorno successivo alla comunicazione di Arpae, ovvero dal martedì o dal venerdì, e fino al successivo giorno di controllo incluso:
 1. l’ampliamento della limitazione della circolazione, dalle 08.30 alle 18.30, a tutti i veicoli diesel Euro 4. In particolare, in tutta l’area interna alle tangenziali, come da planimetria costituente l’allegato 1, si istituisce il divieto di totale di circolazione per le seguenti categorie di veicoli:
- veicoli con accensione comandata (alimentati a benzina) omologati pre Euro ed Euro 1;
- veicoli con accensione spontanea (diesel) cat. M1, M2, M3, N1, N2, N3 omologati pre Euro, Euro 1, Euro 2, Euro 3 ed Euro 4;
- ciclomotori e motocicli omologati pre Euro;
 2. la riduzione delle temperature di almeno un grado centigrado negli ambienti di vita riscaldati (fino a massimo 19°C nelle case, negli uffici, nei luoghi per le attività ricreative associative o di culto, nelle attività commerciali; fino a     massimo 17°C nei luoghi che ospitano attività industriali ed artigianali) con esclusione degli ospedali, delle case di cura, delle scuole e dei luoghi che ospitano attività sportive;
 3. il divieto di uso di biomasse per il riscaldamento domestico (in presenza di impianto alternativo) con classe di prestazione emissiva inferiore a 4 stelle;
 4. il divieto assoluto di qualsiasi tipologia di combustioni all’aperto (falò rituali, barbecue e fuochi d’artificio, scopo intrattenimento, etc…), anche relativamente alle deroghe consentite dall’art. 182, comma 6 bis, del decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152 rappresentate dai piccoli cumuli di residui vegetali bruciati in loco;
 5. il divieto di sosta con motore acceso per tutti i veicoli;
 6. il divieto di spandimento dei liquami zootecnici senza tecniche ecosostenibili;
 7. Il potenziamento dei controlli sui veicoli circolanti, sulla base delle limitazioni della circolazione in vigore, e potenziamento dei controlli riguardo al rispetto dei divieti di utilizzo degli impianti termici a biomassa legnosa, di combustioni all’aperto e di spandimento dei liquami.


BIOMASSE

Periodo dal 1° ottobre 2020 al 31 marzo 2021

4. Divieto di utilizzo, nelle unità immobiliari dotate di sistema multicombustibile, di focolai aperti, o che possono funzionare aperti, e di impianti a biomassa legnosa per il riscaldamento domestico di classe emissiva pari a 1 e 2 stelle;

5. Divieto di installazione degli impianti a biomassa legnosa per il riscaldamento domestico con classe di prestazione emissiva inferiore alla classe “4 stelle”, già vigente dallo scorso 01/01/2020 così come disposto dall’Ordinanza rep. n. 92 del 27/9/2019 Si precisa che è obbligatorio utilizzare nei generatori di calore a pellet di potenza termica nominale inferiore a 35kW pellet che, oltre a rispettare le condizioni previste dall’allegato X, parte II, sezione 4, paragrafo 1, lettera d) alla parte V del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i., sia certificato conforme all’allegato A1 della norma UNI EN ISO 17225-2 da parte di un organismo di certificazione accreditato. E’ stabilito altresì l’obbligo per gli utilizzatore di conservare la pertinente documentazione. Settore Mobilità ed Energia

 

Periodo dall’ 11 gennaio 2021 al 31 marzo 2021

6. MISURE STRUTTURALI

Dal 11/01/2021 al 31/03/2021, dal lunedì al venerdì, dalle 08.30 alle 18.30, in tutta l’area interna alle tangenziali come da planimetria costituente l’allegato 1 e nel parco Area delle Scienze (Campus Universitario), l’istituzione del divieto totale di circolazione per le seguenti categorie di veicoli:
A) veicoli con accensione comandata (alimentati a benzina) omologati pre Euro, Euro 1 ed Euro 2;
B) veicoli con accensione spontanea (diesel) cat. M1, M2, M3, N1, N2, N3 omologati pre Euro, Euro 1, Euro 2, Euro 3 ed Euro 4;
C) ciclomotori e motocicli omologati pre Euro ed Euro 1;
D) veicoli a gas metano-benzina o GPL-benzina omologati pre Euro ed Euro 1.

7. DOMENICHE ECOLOGICHE

Nelle domeniche ecologiche previste il 24/01/2021, 14/02/2021, 28/02/2021, 07/03/2021, 28/03/2021 dalle 08.30 alle 18.30, in tutta l’area interna alle tangenziali, come da planimetria costituente l’allegato 1, l’istituzione del divieto totale di circolazione per le seguenti categorie di veicoli:
A) veicoli con accensione comandata (alimentati a benzina) omologati pre Euro, Euro 1 ed Euro 2;
B) veicoli con accensione spontanea (diesel) cat. M1, M2, M3, N1, N2, N3 omologati pre Euro, Euro 1, Euro 2, Euro 3 ed Euro 4;
C) ciclomotori e motocicli omologati pre Euro ed Euro 1;
D) veicoli a gas metano-benzina o GPL-benzina omologati pre Euro ed Euro 1

8. MISURE EMERGENZIALI

Adozione delle seguenti misure emergenziali, all’interno del periodo di attivazione delle limitazioni alla circolazione ordinarie (11/01/2021-31/03/2021), per rafforzare le misure ordinarie al verificarsi degli episodi acuti di inquinamento qualora il bollettino emesso da Arpae il lunedì o il giovedì, individuati quali giorni di controllo, dovesse evidenziare l’avvenuto superamento continuativo nei tre giorni antecedenti del valore limite giornaliero del PM10, a partire dal giorno successivo alla comunicazione di Arpae, ovvero dal martedì o dal venerdì, e fino al successivo giorno di controllo incluso:
 1 l’ampliamento della limitazione della circolazione, dalle 08.30 alle 18.30, a tutti i veicoli diesel Euro 5. In particolare, in tutta l’area interna alle tangenziali, come da planimetria costituente l’allegato 1, si istituisce il divieto di totale di circolazione per le seguenti categorie di veicoli:
- veicoli con accensione comandata (alimentati a benzina) omologati pre Euro, Euro 1 ed Euro 2;
- veicoli con accensione spontanea (diesel) cat. M1, M2, M3, N1, N2, N3 omologati pre Euro, Euro 1, Euro 2, Euro 3, Euro 4 ed Euro 5;
- ciclomotori e motocicli omologati pre Euro ed Euro 1;
- veicoli a gas metano-benzina o GPL-benzina omologati pre Euro ed Euro 1.
 2 la riduzione delle temperature di almeno un grado centigrado negli ambienti di vita riscaldati (fino a massimo 19°C nelle case, negli uffici, nei luoghi per le attività ricreative associative o di culto, nelle attività commerciali; fino a massimo 17°C nei luoghi che ospitano attività industriali ed artigianali) con esclusione degli ospedali, delle case di cura, delle scuole e dei luoghi che ospitano attività sportive;
 3 il divieto di uso di biomasse per il riscaldamento domestico (in presenza di impianto alternativo) con classe di prestazione emissiva inferiore a 4 stelle;
 4 il divieto assoluto di qualsiasi tipologia di combustioni all’aperto (falò rituali, barbecue e fuochi d’artificio, scopo intrattenimento, etc…), anche relativamente alle deroghe consentite dall’art. 182, comma 6 bis, del decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152 rappresentate dai piccoli cumuli di residui vegetali bruciati in loco;
 5 il divieto di sosta con motore acceso per tutti i veicoli;
 6 il divieto di spandimento dei liquami zootecnici senza tecniche ecosostenibili;
 7 Il potenziamento dei controlli sui veicoli circolanti, sulla base delle limitazioni della circolazione in vigore, e potenziamento dei controlli riguardo al rispetto dei divieti di utilizzo degli impianti termici a biomassa legnosa, di combustioni all’aperto e di spandimento dei liquami.


Per deroghe ed esclusioni si rimanda all’ordinanza completa. 

 

Bollettino Misure emergenziali | Infografica misure emergenziali

 

Informazioni: Contact Center Tel. 0521 40521 lunedì;-venerdì; 8.00-17.30; sabato 8.00-13 - urp@comune.parma.it - Sito web del Comune