Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Aria / Liberiamolaria / Limitazioni per Comune /

Ravenna

Limitazioni alla circolazione dal 1° ottobre 2020 al 31 marzo 2021 nel comune di Ravenna

SINTESI ORDINANZA

MISURE STRUTTURALI E DOMENICHE ECOLOGICHE

1) La limitazione della circolazione ai veicoli a motore nel periodo compreso fra il 01 ottobre 2020 e il 31 marzo 2021 compreso, sulla porzione del centro abitato di "Ravenna" come da allegata planimetria (All. A), che costituisce parte integrante del presente provvedimento, e come indicato nell´ordinanza.

Divieto di transito dal 01 ottobre 2020 fino al 10 gennaio 2021 compreso (eccetto festivi), dal lunedì al venerdì dalle 08:30 alle 18:30 e in occasione delle "Domeniche Ecologiche" previste il 04/10/2020, 18/10/2020, 22/11/2020, 29/11/2020 e 10/01/2021:

a) ai veicoli a benzina precedenti all´Euro 2;
b) ai veicoli diesel precedenti all´Euro 4;
c) ai ciclomotori e ai motocicli precedenti alla normativa Euro 1.

Divieto di transito dall´11 gennaio 2021 fino al 31 marzo 2021 compreso (eccetto festivi), dal lunedì al venerdì dalle 08:30 alle 18:30 e in occasione delle "Domeniche Ecologiche" previste il 24/01/2021, 07/02/2021, 21/02/2021, 07/03/2021 e 21/03/2021:
a) ai veicoli a benzina precedenti all´Euro 3;
b) ai veicoli diesel precedenti all´Euro 5;
c) ai veicoli a benzina/GPL - Metano precedenti all´Euro 2;
d) ai ciclomotori e ai motocicli precedenti alla normativa Euro 2.


BIOMASSE

2) Dal 01 ottobre 2020 fino al 31 marzo 2021, in tutto il territorio comunale, nelle unità immobiliari comunque classificate (da E1 a E8) dotate di riscaldamento multi combustibile, sia vietato utilizzare biomasse (legna, pellet, cippato, altro):
- nei generatori di calore di cui all´art. 1 comma 3 Decreto del Ministero dell´Ambiente 7 novembre 2017 n. 186 Regolamento recante la disciplina dei requisiti, delle procedure e delle competenze per il rilascio di una certificazione dei generatori di calore alimentati a biomasse combustibili solide, dotati di classe di qualità inferiore alle 3 stelle, così come specificata nell´Allegato 1, punto 1, Tabella 1 al DM sopra citato;
- nei focolari aperti o che possono funzionare aperti.

3) Nei generatori di calore funzionanti a pellet per i quali non vige il divieto di cui sopra (cioè certificati almeno 3 stelle), è fatto comunque obbligo di utilizzare pellet che sia stato certificato, da un Organismo di certificazione accreditato, conforme alla Classe Al della norma UNI EN ISO 17855-2 2014.


MISURE EMERGENZIALI

4) Dal 01 ottobre 2020 fino al 31/03/2021, qualora il bollettino di verifica emesso da ARPAE nelle giornate di lunedì e giovedì dovesse evidenziare, per l´ambito territoriale dell´area di Ravenna, il superamento del valore limite giornaliero di PM10 per i 3 giorni precedenti e consecutivi, entrano automaticamente in vigore, senza necessità di adottare specifici provvedimenti e fino ad avvenuto rientro nei limiti del valore di PM10, le misure emergenziali di seguito indicate:
4.1 oltre alle misure di limitazione della circolazione già in vigore dal lunedì al venerdì, dal 01/10/2020 al 10/01/2021 divieto di transito anche ai veicoli diesel precedenti all´Euro 5 e dall’11/01/2021 al 31/03/2021 divieto di transito anche ai veicoli diesel precedenti all´Euro 6;
4.2 divieto di sosta con motore acceso per tutti i veicoli;
4.3 nell´area indicata in Allegato A, è disposto il potenziamento dei controlli sui veicoli circolanti in base alle limitazioni della circolazione in vigore;
4.4 divieto di utilizzo, in tutto il territorio comunale, di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa nelle Unità immobiliari comunque classificate (da E1 a E8), in presenza di impianto di riscaldamento alternativo, aventi prestazioni energetiche ed emissive che non sono in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe 4 stelle in base alla classificazione ambientale introdotta dal DM n. 186 del 7 novembre 2017;
4.5 in tutto il territorio comunale, la temperatura negli ambienti di vita riscaldati non deve superare i seguenti valori massimi:
- 19°C ( + 2°C di tolleranza) negli edifici adibiti a residenza ed assimilabili (E1), a uffici ed assimilabili (E2), ad attività ricreative e di culto ed assimilabili (E4), ad attività commerciali ed assimilabili (ES), ad attività sportive (E6);
- 17°C ( + 2° C di tolleranza) nei luoghi che ospitano attività industriali ed artigianali ed assimilabili (E8); sono esclusi dalle limitazioni di cui sopra ospedali, cliniche e case di cura ed assimilabili (E3) edifici adibiti ad attività scolastiche a tutti i livelli ed assimilabili (E7);
4.6 in tutto il territorio comunale, sono vietate tutte le combustioni all´aperto (falò, barbecue ecc.) comprese le operazioni di bruciatura di sterpaglie, residui di potatura, simili e scarti vegetali di origine agricola ai sensi dell´art. 182, comma 6 bis, del D.Lgs. 152/2006;
4.7 in tutto il territorio comunale è disposto il divieto di spandimento dei liquami zootecnici e, in presenza di divieto regionale, divieto di rilasciare le relative deroghe;
4.8. sono escluse dalle limitazioni di cui al precedente comma 4.7 le tecniche di spandimento con interramento immediato dei liquami e con iniezione diretta al suolo. 

Per deroghe ed esclusioni si rimanda all’ordinanza completa. 

  

 

Bollettino Misure emergenziali | Infografica misure emergenziali

 

 

 

Informazioni: centralini 0544 482111 / 0544 485111

Vai al sito web del Comune