Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Aria / Liberiamolaria / Limitazioni per Comune /

Rubiera (Re)

Limitazioni alla circolazione dal 10 ottobre 2020 al 31 marzo 2021 nel comune di Rubiera (RE)

Verifica il Codice EURO del tuo veicolo

 

SINTESI ORDINANZA

MISURE STRUTTURALI

È in vigore dal 10 ottobre 2020 al 31 marzo 2021 l’Ordinanza n. 144 che introduce una limitazione parziale della circolazione nel centro di Rubiera (vedi planimetria zona coinvolta allegata) e provvedimenti per il miglioramento della qualità dell’aria ai sensi del Piano Aria Integrato Regionale (PAIR 2020) ai sensi della L.R. n. 14/2018, artt. 1, 2 e 3.

Le misure antismog con le restrizioni alla circolazione di seguito elencate sono in vigore da lunedì a venerdì e nella giornata di domenica dalle 8.30 alle 18.30. Le restrizioni non si applicano nelle seguenti domeniche e giornate festive: 01/11/2020 24/11/2020 08/12/2020 20/12/2020 25/12/2020 27/12/2020 01/01/2021 03/01/2021 06/01/2021

A) Dal 01/10/2020 al 10/01/2021 divieto di circolazione per:

- veicoli a benzina omologati EURO 1 o precedenti;

- veicoli diesel categorie M1, M2, M3, N1, N2, N3 omologati EURO 3 o precedenti, eccetto i mezzi pesanti (N1, N2, N3) intestati a residenti o società/ditte che hanno sede nelle province di Reggio Emilia e Modena;

- ciclomotori e motocicli omologati EURO 0.

B) Dal 11/01/2021 al 31/03/2021 divieto di circolazione per:

- veicoli a benzina omologati EURO 2 o precedenti;

- veicoli diesel categorie M1, M2, M3, N1, N2, N3 omologati EURO 4 o precedenti, eccetto i mezzi pesanti (N1, N2, N3) intestati a residenti o società/ditte che hanno sede nelle province di Reggio Emilia e Modena;

- ciclomotori e motocicli omologati EURO1;

- veicoli a benzina/metano e benzina/gpl omologati PRE EURO e EURO 1.

Le limitazione appena descritte si applicano sulle aree stradali indicate in allegato sub 1 (come previsto dal capitolo 9.1.3 della Relazione Generale e dal titolo II, sezione I, articolo 14, comma 1 delle NTA del P.A.I.R. 2020) e di seguito elencate: – via Emilia Est dall’intersezione con Piazza XXIV Maggio/Piazza Gramsci fino all’intersezione con via Battisti; – via Cavour, via Libertà, via Andreoli, via Garibaldi, via Trieste, via Boiardo, via Trento, via Codro, via De Amicis, via Roma; – via Vittorio Emanuele II°; – SS9 nel tratto denominato via Matteotti, dalla rotatoria con via della stazione alla rotatoria con via Melato.

BIOMASSE

Dal 01/10/2020 al 31/03/2021, in tutto il territorio comunale, è fatto divieto di utilizzo di biomasse legnose (legna, pellet, cippato, altro) per riscaldamento domestico nelle unità immobiliari dotate di riscaldamento multicombustibile (in presenza quindi di un impianto di riscaldamento alternativo):

– nei generatori di calore con classe di prestazione emissiva inferiore a “3 stelle”, cosi come definite dal Decreto del Ministero dell’Ambiente 7 novembre 2017 n. 186;

– nei focolari-caminetti aperti o che possono funzionare aperti.

Dal 1 ° ottobre 2020 al 31 dicembre 2021, in tutto il territorio comunale:

- si conferma l’obbligo di utilizzare, nei generatori di calore a pellet di potenza termica nominale inferiore ai 35 kW, pellet che, oltre a rispettare le condizioni previste dall’allegato X, Parte Il, sezione 4, paragrafo 1, lettera d) alla parte V del decreto legislativo n. 152/2006, sia certificato conforme alla classe A 1 della norma UNI EN ISO 17225-2 da parte di un Organismo di certificazione accreditato. È stabilito altresì l’obbligo per gli utilizzatori di conservare la pertinente documentazione

- si conferma il divieto di istallazione di generatori di calore a biomassa legnosa con classe di prestazione emissiva inferiore alla classe “4 stelle”, cosi come definite dal Decreto del Ministero dell’Ambiente 7 novembre 2017 n. 186; in attesa di adeguare in via definitiva i regolamenti locali con le disposizioni previste dall’articolo 24 punto a) delle norme tecniche di attuazione del PAIR 2020

- si conferma il divieto di installazione e l’utilizzo di impianti per la climatizzazione invernale e/o estiva in spazi di pertinenza dell’organismo edilizio (quali, ad esempio, cantine, vani scale, box, garage e depositi), in spazi di circolazione e collegamento comuni a più unità immobiliari (quali, ad esempio, androni, scale, rampe), in vani e locali tecnici e il divieto di utilizzo di quelli esistenti.

MISURE EMERGENZIALI

Nel caso in cui il bollettino emesso da Arpae (nelle giornate di lunedì e giovedì, individuate come giorni di controllo), dovesse evidenziare l’attivazione dello stato di emergenza nell’ambito territoriale della Provincia di Reggio Emilia, a partire dalla giornata seguente all’emissione del bollettino di Arpae (ovvero il martedì e venerdì) e fino al successivo giorno di controllo incluso trovano applicazione le seguenti misure:

dal 01/10/2020 al 10/01/2021 valgono i divieti di circolazione di cui al precedente paragrafo 1 punto A estendendo però gli stessi anche ai veicoli diesel categorie M1, M2, M3, N1, N2, N3 omologati EURO 4

dal 11/01/2021 al 31/03/2021 valgono i divieti di circolazione di cui al precedente paragrafo 1 punto B estendendo però gli stessi anche ai veicoli diesel categorie M1, M2, M3, N1, N2, N3 omologati EURO 5

dal 11/01/2021 al 31/03/2021 valgono le limitazioni negli impianti di riscaldamento di cui al precedente paragrafo 2) punto A) estendendo pero gli stessi anche ai generatori di calore con certificazione ambientale fino a 3 stelle comprese, cosi come definite dal Decreto del Ministero dell’Ambiente 7 novembre 2017 n. 186

dal 01/10/2020 al 31/03/2021 in tutto il territorio comunale,

a. l’obbligo di ridurre le temperature di almeno un grado centigrado negli ambienti di vita riscaldati (fino a massimo 19 °C nelle case, negli uffici, nei luoghi per le attività ricreative associative o di culto, nelle attività commerciali; fino a massimo 17 °C nei luoghi che ospitano attività industriali ed artigianali). Sono esclusi da queste indicazioni gli ospedali e le case di cura, le scuole ed i luoghi che ospitano attività sportive

b. il divieto assoluto di qualsiasi tipologia di combustione all’aperto (falò, barbecue e fuochi d’artificio, scopo intrattenimento ecc.), anche relativamente alle deroghe consentite dall’art. 182, comma 6 bis, del decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152 rappresentate dai piccoli cumuli di residui vegetali bruciati in loco;

c. il divieto di spandimento dei liquami zootecnici e, in presenza di divieto regionale, il divieto di rilasciare le relative deroghe. Sono escluse dal divieto le tecniche di spandimento con interramento immediato dei liquami e con iniezione diretta al suolo

d. il divieto di sostare con motore acceso per tutti i veicoli

e. il potenziamento dei controlli relativi al rispetto dei divieti di cui ai punti di cui sopra.

 

Ordina inoltre le seguenti misure in vigore tutto l’anno:

- divieto di installazione e utilizzo di impianti per la climatizzazione invernale ed estiva negli spazi comuni degli edifici (garage, scale ecc.)

- obbligo di chiusura porte di accesso al pubblico da parte di esercizi commerciali ed edifici con accesso al pubblico (sia in estate che in inverno) a eccezione degli esercizi commerciali che si avvalgono di dispositivi alternativi alle porte di accesso per l’isolamento termico degli ambienti.

 

Per deroghe ed esclusioni si rimanda all´ordinanza completa.

 

Bollettino Misure emergenziali | Infografica misure emergenziali

 

 

Informazioni. Contatti: 0522 622211(209-202) - urp@comune.rubiera.re.it 
Orari di apertura al pubblico: lunedì-sabato (8.30/13.00) martedì e venerdì (15.00/18.00)

Vai al Sito web del Comune