Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Acqua /

La qualità delle acque in provincia di Forlì-Cesena. Dati 2010 - 2011

Sezione provinciale Forlì-Cesena

Nel 2010 in Emilia-Romagna ha preso avvio il primo ciclo di monitoraggio sulle reti ridefinite in applicazione della Direttiva 2000/60/CE, recepita dal D.Lgs. 152/2006.

In questo report vengono riportate le specifiche del monitoraggio effettuato, da Arpa sezione di Forlì-Cesena negli anni 2010 e 2011, sui corpi idrici superficiali interni e sotterranei della Provincia di Forlì-Cesena.

La nuova rete di monitoraggio ambientale delle acque provinciale viene definita, a seguito del complesso processo di individuazione e caratterizzazione dei corpi idrici superficiali e sotterranei, dalla Delibera di Giunta della Regione Emilia-Romagna n. 350/2010 e prevede:

  • 23 stazioni per la rete di monitoraggio ambientale dei corsi d’acqua superficiali (fiumi)
  • 1 stazione per quanto riguarda la rete di monitoraggio ambientale laghi e invasi
  • 65 stazioni di monitoraggio della rete ambientale delle acque sotterranee suddivisa in 20 pozzi per il chimismo, 27 pozzi per il chimismo e quantitativo e 18 pozzi per il quantitativo.

Inoltre un’altra attività svolta da Arpa Emilia-Romagna nel territorio provinciale riguarda la classificazione e il calcolo della conformità delle acque dolci superficiali idonee alla vita dei pesci ciprinicoli e salmonicoli in conformità a quanto prescritto dal D.Lgs. 152/06 nella parte terza per l’obiettivo di qualità per specifica destinazione. Questa rete risulta composta da 16 stazioni.

Arpa Emilia-Romagna - Sezione di Forlì-Cesena

Anno riferimento: 2010-2011

Numero pagine: 122
Anno pubblicazione: 2013




Materia: Acqua

Nodi: ex Arpae Forlì-Cesena vedi Area Est

Tipologia: Tecnico/istituzionali