Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Aria / Informazioni sanitarie /

PM10 - precauzioni e consigli per la popolazione

PM10 0 - 25Concentrazioni (µg/m3) 0 - 25, livello BASSO
Commento:
Concentrazioni fino a 25 µg/m3 possono essere considerate nella nostra regione un valore di fondo. Sebbene anche a questi livelli non siano da escludere effetti sanitari, non vengono suggerite particolari precauzioni.

 

Pm10, 25 - 50

Concentrazioni (µg/m3) 26 - 50, livello MEDIO
Commento:
Le concentrazioni di particolato sono ancora sotto il "limite per la protezione della salute umana" (DM 60/02); tuttavia già a questi livelli è opportuno che individui particolarmente sensibili (es. asmatici, cardiopatici, bambini, anziani) cerchino di adottare precauzioni per ridurre la propria esposizione.

 

Pm10, 50 - 100

Concentrazioni (µg/m3) 51 - 100, livello ALTO
Commento: I livelli di inquinamento sono superiori al "limite per la protezione della salute umana" che non può essere superato più di 35 volte all´anno (DM 60/02). In tali condizioni, aumenta la probabilità di accusare sintomi per i soggetti particolarmente sensibili. Anche adulti sani possono manifestare difficoltà respiratorie e cardiache, soprattutto durante attività fisiche intense e prolungate all´aperto. Si consiglia pertanto di programmare eventuali attività sportive all´aperto nelle ore in cui i livelli di inquinamento sono inferiori, ovvero prima delle 8 del mattino o nel primo pomeriggio (dalle 14 alle 16)*. Arieggiare gli ambienti chiusi negli stessi orari. Si invita la popolazione a collaborare per ridurre i livelli di inquinamento cercando di ridurre il più possibile l´uso dell´auto.

 

Pm10, 101 - 150

Concentrazioni (µg/m3) 101 - 150, livello MOLTO ALTO
Commento:
Il livello di inquinamento è molto superiore al "limite per la protezione della salute umana" che non può essere superato più di 35 volte all´anno (DM 60/02). Si consiglia di evitare attività fisiche intense e prolungate all´aperto e di rimanere il più possibile in ambienti chiusi, in particolare per i soggetti a rischio. Si invita la popolazione a collaborare per ridurre i livelli di inquinamento adottando forme di mobilità di minore impatto ambientale spostandosi a piedi, in bicicletta o con i mezzi pubblici.

 

Pm10, oltre 151

Concentrazioni (µg/m3) oltre 151, livello ECCEZIONALE
Commento:
I livelli di inquinamento sono eccezionalmente alti. Si raccomanda di adottare forme di mobilità di minore impatto ambientale e di ridurre il più possibile la permanenza all´aperto. Data l´eccezionalità dei valori previsti si consiglia agli individui particolarmente sensibili (es. asmatici, cardiopatici, bambini, anziani) di consultare il proprio medico curante per consigli specifici.

* Attenzione: queste indicazioni di orario non valgono per i mesi estivi in cui l´ozono raggiunge le concentrazioni più elevate nel pomeriggio.

CRITERI DI INTERPRETAZIONE DEI LIVELLI E DEI RELATIVI COMMENTI

L´inquinamento da polveri è stato associato in letteratura a diversi effetti sanitari. Gli effetti del PM10 sulla salute variano sensibilmente in funzione delle caratteristiche individuali e particolari precauzioni devono essere adottate da alcuni gruppi di popolazione (ad esempio bambini, persone con disturbi respiratori e cardiaci, anziani). Gli studi epidemiologici concordano inoltre nell´indicare che tali effetti crescono in modo uniforme all´aumentare della concentrazione e non individuano una soglia né per gli effetti di tipo acuto, che si manifestano entro pochi giorni dall´esposizione, né per gli effetti di lungo termine che si manifestano in seguito all´esposizione cumulata di anni. Anche se quindi da un punto di vista sanitario sarebbe più corretta l´adozione di una scala continua nella comunicazione dei livelli di PM10, nell´ambito di questa sistema di previsione si è scelto di definire per facilità di lettura 5 livelli di concentrazione di PM10 e di associare ad essi altrettanti commenti specifici. La definizione dei livelli è avvenuta in parte utilizzando il limite di legge ed in parte in funzione delle potenzialità predittive dei modelli previsionali utilizzati.

Per quanto riguarda i consigli, se i comportamenti individuali che possono contribuire a ridurre la concentrazione in atmosfera di polveri fini sono facilmente individuabili (soprattutto in termini di scelte di mobilità), più complicato risulta suggerire azioni o scelte che comportino con sicurezza la riduzione dell´esposizione individuale e quindi un beneficio per la salute. Emblematica in tal senso è la scelta su quale sia il livello di particolato in corrispondenza del quale sia opportuno limitare l´attività fisica. I consigli indicati sono quindi il frutto di valutazioni che tengono conto delle diverse ottiche (non sempre concordanti) in cui è possibile affrontare il problema dell´inquinamento atmosferico ed in tale contesto vanno quindi interpretati. Alcuni di questi consigli inoltre, sebbene validi in generale, vengono riportati solo per i livelli più elevati, in corrispondenza dei quali la loro applicazione risulta più rilevante per la salvaguardia della salute. Si raccomanda quindi la lettura delle precauzioni che è possibile sempre adottare per limitare la propria esposizione.

Scarica il documento (pdf, 27 kb)