Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Amianto polveri e fibre / Argomenti / Pietre verdi /

Pietre verdi

Le "pietre verdi", termine popolare con il quale si identificano le ofioliti (rocce ignee ricche di minerali ferrosi), sono materiali inerti largamente utilizzati, sia in tempi passati che nel presente, nel campo delle costruzioni, come riempimenti e rilevati, pietre ornamentali, ecc.
Esse possono tuttavia presentare alcune problematiche di sanità pubblica, non ancora completamente conosciute e da approfondire, legate alla possibile presenza di inclusioni di amianto all´interno dei minerali che costituiscono le rocce stesse.

La Regione Emilia-Romagna ha provveduto ad effettuare il censimento delle cave di "pietre verdi" presenti sul proprio territorio, finalizzato a meglio definire il profilo del comparto, le modalità di escavazione nonché dell´ utilizzo dei materiali estratti. I risultati del progetto sono raccolti nel volume "Il progetto regionale pietre - le ofioliti, la loro estrazione e il problema amianto"  pubblicato dalla Regione Emilia Romagna nel 2004.

Il progetto regionale pietre verdi Le ofioliti, la loro estrazione e il problema amianto

Nell´ambito del mandato regionale, gli obiettivi del gruppo di studio erano:
- Individuare, verificare e approfondire l´ubicazione dei siti estrattivi attivi o dismessi;
- Approfondire le conoscenze circa le caratteristiche geologiche e petrografiche delle molteplici identità assunte dalle "pietre verdi" nel territorio regionale;
- Individuare e quantificare le inclusioni di amianto nella matrice rocciosa;
- Verificare l´applicabilità ed il rispetto delle norme di legge sull´utilizzo delle "pietre verdi";
- Analizzare il rilievo sanitario dell´esposizione delle popolazioni che vivono nei territori interessati dalle attività estrattive di questo materiale.

Non a tutte queste problematiche è stata data una risposta definitiva, sia per la complessità della materia trattata che per la difficoltà di interpretazione delle determinazioni analitiche di riferimento; si ritiene tuttavia consistntee l´apporto di informazioni: le conoscenze mineralogiche, chimiche, epidemiologiche acquisite, consentono di disegnare un più preciso quadro dell´entità e dell´impatto delle attività di estrazione e lavorazione delle pietre verdi.

Successivamente il gruppo tecnico regionale ristretto ha elaborato, come ricaduta pratica del lavoro svolto, una bozza di circolare applicativa del DM 14.05.96 alla realtà regionale. Questa bozza, presentata ai tre Assessorati regionali interessati (Difesa del Suolo, Ambiente, Sanità) ha trovato per ora solo applicazione nella Provincia di Parma come allegato tecnico al locale PIAE.

Attualmente è in corso la discussione di un protocollo d´intesa fra Provincia-Regione-Ditte esercenti attività estrattive (Arpa  fornirà il supporto analitico) per l´attuazione di un progetto sperimentale finalizzato alla ricaduta/verifica/sostenibilità dell´applicazione della circolare.

 

MATERIALI

Relazione "Lo studio mineralogico delle fasi asbestiformi della Nuova Caledonia" 2016
a cura di Jasmine Rita PETRIGLIERI

Studi sulle ofioliti presentati a Torino e Bari 2011

Ofioliti: le pietre verdi del nostro appennino
Articolo ArpaRivista 1/2005.

Scarica il volume "Il progetto regionale pietre verdi"