Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Amianto polveri e fibre / Argomenti / Amianto /

Amianto - Domande frequenti

  • Quali sono le tecniche d´intervento per i materiali contenenti amianto?

Le tecniche d´intervento per i materiali conteneti amianto son tre: rimozione, incapsulamento, e confinamento.
La rimozione elimina ogni potenziale fonte di esposizione. L´incapsulamento è un trattamento dell´amianto con prodotti penetranti o ricoprenti che tendono a inglobare le fibre di amiantoe a costituire una pellicola di protezione sulla superficie esposta. Il confinamento consiste in una barriera  a tenuta che separi l´amianto dalla aree occupate dell´edificio e deve essere associato ad un trattamento incapsulante. La scelta tra queste tipologie d´intervento è legata al tipo e alle condizioni del materiale. Approfondimenti

  • Che differenza c´è tra amianto friabile e amianto compatto?

Si parla di amainto friabile in matrice friabile quando, nei manufatti, le fibre possono essere libere o debolmente legata, mentre l´amianto in matrice compatta le fibre sono fortemente legate in una matrice stabile e solida (cemento-amianto e vinil-amianto). L´amianto friabile può essere ridotto in polvere con la semplice azione manuale. L´amianto è compatto quando può essere sbriciolato con l´impigo di attrezzi maccanici (martelli, dischi abrasivi frese ecc.)

  • Qual è l´attuale valore limite di esposizione dei lavoratori?

Il valore limite di esposizione dell´amianto è fissato a 0,1 fibre per centimetro cubo di aria, misurato in rapporto alla media ponderata nel tempo di riferimento di 8 ore (Twa). I datori di lavoro devono provvedere affinchè nessun lavoratore sia esposto a una concentrazione di amianto superiore a tale valore limite.

  • Qual è la differenza tra l´analisi delle fibre aerodisperse in Mocf e in Sem?

La Mocf da sola non permette di distinguere il tipo di fibre di amianto, se non grazie all´esperienza del tecnico analista che conteggia le fibre totali presenti sul filtro (amianto, fibre vegetali ecc). La tecnica di microscopia elettronica (Sem) ha un potere di risoluzione molto più alto, una profondità di campo maggiore dello spessore del preparato e possono quindi essere rilevate anche fibre estremamente piccole in concentrazioni molto basse. La microscopia elettronica consente, grazie al sistema di micranalisi Edx, di identificare in maniera univoca le sole fibre di amianto. Approfondimenti

  • Quale analisi devo richiedere per analizzare un pavimento vinilico?

Il pavimento di vinil-amianto deve essere analizzato con la tecnica della difrattometria (Drx), in quanto le fibre sono inglobate nella matrice vinilica rendendo impossibile l´utilizzo della tecnica più semplice (Molp)