Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Modena / In evidenza / Inceneritore di Modena /

Impianto di termovalorizzazione rifiuti di Modena

 

L´Autorizzazione Integrata Ambientale rilasciata alla ditta HERAMBIENTE S.p.A., per l´impianto di termovalorizzazione di Via Cavazza a Modena, assegna ad Arpae il controllo sul funzionamento dell’impianto, nonché il monitoraggio ambientale nelle aree circostanti l´impianto stesso.

L´attività di controllo all´impianto, svolta da Arpae, prevede dettagliati controlli gestionali ed operativi, fra i quali le verifiche sulle materie prime in ingresso, sul consumo delle risorse idriche, controlli sull´energia elettrica importata ed esportata, controlli sui rifiuti in ingresso e prodotti, sulle emissioni in atmosfera, sui reflui idrici e verifiche sui sistemi di misura, con particolare attenzione ai sistemi di monitoraggio in continuo installati sulla linea di incenerimento, al fine di verificare la correttezza del dato rilevato. (il  sistema di monitoraggio in continuo delle emissioni dell’ impianto di termovalorizzazione di Modena).

Nell´ambito dell´ispezione annuale all´impianto, che prevede la verifica delle prescrizioni autorizzative (oltre 150 punti prescrittivi in AIA), vengono controllate autonomamente con frequenza quadrimestrale (3 volte all´anno) le emissioni provenienti dalla linea di incenerimento ed effettuata la supervisione delle verifiche condotte dal gestore sugli strumenti di rilevamento in continuo, in conformità a quanto disposto dalla normativa vigente.

L´attività di Monitoraggio ambientale nelle aree circostanti l’impianto prevede campionamenti ed analisi di aria, deposizioni e suolo ed è iniziata nel mese di settembre 2005

Tale attività ha lo scopo di valutare la situazione ambientale prima e dopo l´adeguamento funzionale dell´impianto per seguirne l’evoluzione, secondo le seguenti fasi:

 

  • Ante Operam - da settembre 2005 ad aprile 2009;
  • Fase intermedia - da maggio 2009 ad agosto 2013;
  • Post Operam - da settembre 2013 a dicembre 2015.

Il monitoraggio prevede, su più postazioni individuate sulla base delle possibili ricadute emissive, misurazioni in continuo  e campagne a frequenze predefinite. Vengono misurate  le polveri totali, le polveri PM10 e gli  ossidi di azoto; inoltre, vengono effettuate ulteriori analisi chimiche per la ricerca di metalli pesanti e idrocarburi policiclici aromatici in aria e suolo, diossine e policloro bifenili  in aria, nelle deposizioni e nel suolo.

A completamento viene effettuata, con frequenza biennale, un´indagine ambientale mediante l´impiego di licheni quali bioindicatori e bioaccumulatori.

L´insieme dell´articolata attività di controllo e monitoraggio di Arpae, completata dai dati di gestione e di autocontrollo dell´impianto effettuati dal gestore, consente la costante verifica del corretto funzionamento dell´impianto di Via Cavazza, permettendo di individuare e segnalare al Gestore e alle Autorità competenti situazioni di temporanea criticità o di necessità di intervento per il ripristino di eventuali  anomalie.

Sono disponibili i seguenti report tecnici:

Rapporti valutativi sull´attività di monitoraggio effettuata nell´intorno dell´area dell´impianto

Rapporti mensili di funzionamento dell´impianto di termovalorizzazione rifiuti di Modena  disponibili da gennaio 2016