Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Rischio industriale / Argomenti / Schede stabilimenti /

Schede stabilimenti

Attualmente in Italia la normativa di riferimento in materia di controllo del pericolo di incidenti rilevanti connessi a determinate sostanze pericolose è il Decreto Legislativo n. 105 del 26 giugno 2015, che recepisce la Direttiva 2012/18/UE, cosiddetta Seveso III. Il decreto, entrato in vigore il 29 luglio 2015, ha abrogato il D.Lgs. n. 334 del 17 agosto 1999 e s.m.i., precedente riferimento normativo nazionale in materia.

Il D.lgs.105/2015 si applica agli stabilimenti in cui sono presenti sostanze pericolose in quantità uguali o superiori a quelle indicate nell’allegato I del medesimo decreto. In funzione dei quantitativi di sostanze pericolose detenute vengono suddivisi in:

  • stabilimenti di soglia superiore (SS)
  • stabilimenti  di soglia inferiore (SI)

Clicca sulla provincia per visualizzare l´elenco degli stabilimenti.

Piacenza | Parma | Reggio Emilia | Modena | Bologna | Ferrara | Ravenna | Forlì-Cesena | Rimini


Approfondimenti
Gli elementi che individuano uno stabilimento a rischio di incidente rilevante sono:

  • la lavorazione o il deposito di sostanze pericolose (tossiche, infiammabili, esplosive, comburenti, pericolose per l’ambiente in quantità tale da superare determinate soglie indicate in Allegato I al D.Lgs.105/2015)
  • la possibilità di evoluzione non controllata con conseguente pericolo grave, immediato o differito sia per l’uomo all’interno o all’esterno dello stabilimento sia per l’ambiente circostante a causa di emissione di sostanze tossiche, incendioesplosione di grande entità.

Il D.Lgs.105/2015 si applica agli stabilimenti così come definiti all´articolo 2 e con le esclusioni previste dall´articolo 3 del decreto. In particolare si intende per Stabilimento: Tutta l´area sottoposta al controllo di un gestore nella quale sono presenti sostanze pericolose all’interno di uno o più impianti (comprese le infrastrutture o le attività comuni o connesse)”.

In funzione dei quantitativi di sostanze pericolose detenute e in base alle diverse tempistiche di adeguamento agli obblighi previsti per i gestori, il decreto definisce per gli stabilimenti diverse casistiche con specifiche definizioni.

Per altre definizioni di termini specifici consulta glossario


Adempimenti
I Gestori degli stabilimenti a rischio di incidente rilevante devono assolvere ad una gradualità di obblighi in funzione della quantità di sostanze pericolose detenute.

Adempimenti normativi per stabilimenti di soglia superiore

Adempimenti normativi per stabilimenti di soglia inferiore