Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Attivitą / Laboratori /

Laboratori

Dal 1 maggio 2017 in Arpae ha preso avvio la Direzione unica del Laboratorio Multisito con l’obiettivo di consolidare e migliorare la qualità del servizio reso in un’ottica di omogeneizzazione della risposta analitica erogata dai vari presidi laboratoristici.

L´importanza del nuovo modello organizzativo individuato è accresciuta dal ruolo che le reti laboratoristiche delle Agenzie rivestono all´interno del nuovo Sistema Nazionale per la Protezione dell´Ambiente (SNPA) delineato con la L. 132/2016. La recente Legge 132/2016, in vigore dal 14 gennaio 2017, intende assicurare omogeneità ed efficacia sul controllo della qualità dell´ambiente, anche mediante l’individuazione e organizzazione di una Rete nazionale di Laboratori accreditati che, sulla base delle strutture analitiche già esistenti, si caratterizzi con centri analitici di eccellenza interregionale o nazionale.

La logistica produttiva è stata impostata per poli geografici (ovest, centro, est) e l’aggregazione per matrice su scala regionale – pluriprovinciale, in quattro laboratori integrati (Reggio Emilia, Bologna, Ferrara, Ravenna) e relativi sportelli di accettazione campioni. E´ in capo alla Direzione del Laboratorio Multisito il coordinamento degli sportelli di accettazione campioni delle sedi di Piacenza, Parma, Modena, Forlì, Rimini. Restano in capo ai rispettivi CTR della Direzione Tecnica le Unità analitiche di Isotopia Chimica e di Tossicologia Ambientale, mentre le Unità analitiche relative ad acque marine e sedimenti rimangono in carico alla Struttura Tematica Oceanografica Daphne; l’Unità Analitica di Olfattometria, invece, rimane in capo al PTR Emissioni Industriali  dell’APA Centro.

I laboratori di Arpae garantiscono l’attività per l’analisi delle matrici ambientali, operando a supporto e ad integrazione delle attività del Servizio Territoriale e del Servizio Sistemi Ambientali, sia con riferimento alla "domanda esterna" (supporto alle Ausl, per funzioni di sanità pubblica, servizi diretti a privati e soggetti produttivi): in particolare il supporto alle Ausl prevede attività di controllo su acque potabili, minerali, termali, di piscina e acque sanitarie nonché per i residui di principi attivi fitosanitari su prodotti alimentari.

Laboratori Arpae: assetto organizzativo

La rete laboratoristica di Arpae è costituita da:

Restano in capo ai rispettivi CTR della Direzione Tecnica le Unità analitiche di Isotopia Chimica e di Tossicologia Ambientale, mentre le Unità analitiche relative ad acque marine e sedimenti rimangono in carico alla Struttura Tematica Oceanografica Daphne; l’Unità Analitica di Olfattometria, invece, rimane in capo al PTR Emissioni Industriali  dell’APA Centro.

Per la definizione dei preventivi di costo delle prestazioni analitiche si fa riferimento ad apposito listino, che discende dal Tariffario delle prestazioni di Arpae, e definisce il costo totale determinato come composizione delle tariffe delle singole prestazioni che concorrono alla prestazione. A seguito della recente revisione del tariffario delle prestazioni di Arpae Emilia-Romagna (DGR n.926 del 5/06/2019), il citato listino delle prestazioni analitiche è temporaneamente in fase di aggiornamento. I costi delle analisi riportati nei preventivi delle attività analitiche potranno pertanto subire successive variazioni che saranno opportunamente comunicate al cliente.

Le indicazioni inerenti le modalità, i termini per l´utilizzo, la conservazione e lo smaltimento dei campioni, dei relativi documenti forniti dal cliente e delle registrazioni tecniche relative alle prove, sono riportate nella nota informativa All1-P40701/LM.

Compiti dei laboratori

Il Laboratorio Multisito si articola, di norma, in più aree analitiche e, relativamente alle matrici/analisi di competenza:

  • presidia su scala regionale o pluriprovinciale le diverse fasi del processo analitico, dall’accettazione del campione fino all´emissione del rapporto di prova, operando nel rispetto delle norme tecniche di settore ed in conformità alla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025 2018;
  • promuove lo sviluppo dei riferimenti analitici regionali dove previsti;
  • cura lo sviluppo della qualità (anche attraverso certificazione e accreditamento), dell’efficienza e la standardizzazione delle metodiche di prova.

Presso la sede di Ferrara vengono organizzati Proficiency testing sui prodotti fitosanitari e i nitrati.

Le altre Unità analitiche specialistiche non afferenti al Laboratorio Multisito (Unità analitiche di Isotopia Chimica, Tossicologia Ambientale in capo ai rispettivi CTR della Direzione Tecnica, le Unità analitiche relative ad acque marine e sedimenti in carico alla Struttura Tematica Oceanografica Daphne e ; l’Unità Analitica di Olfattometria in capo al PTR Emissioni Industriali  dell’APA Centro), relativamente alla matrice/analisi di competenza:

  • presidiano le attività e i processi analitici di laboratorio, dall’accettazione del campione fino all’emissione del rapporto di prova, svolgendo sotto il profilo tecnico-scientifico il ruolo di riferimento regionale per la rete interna;
  • presidiano l’evoluzione della normativa e dei riferimenti tecnici a livello comunitario e nazionale;
  • promuovono la ricerca e l’innovazione tecnologica;
  • operano in collaborazione con gli altri Servizi della Sezione, partecipando alle fasi di programmazione ed esecuzione di attività e progetti di interesse comune.

Attività svolta dall’Agenzia (anno 2019):

  • Campioni in ingresso alla rete Laboratoristica: 63.829 (di cui 18.361 sono campioni direttamente derivanti dall’attività di controllo e monitoraggio svolta dall’Agenzia); 25.286 campioni risultano a pagamento su base tariffaria nazionale o regionale, incluso quelli che derivano dall’attività di vigilanza e controllo dell’Agenzia (controlli e monitoraggi impianti IPPC, siti contaminati, ecc.) e che la normativa prevede siano con oneri finanziari a carico delle aziende.
  • Aliquote campionarie complessivamente analizzate per singoli ambiti di indagine: 72.520
  • Campagna di monitoraggio della zanzara tigre: 8.490 campioni