Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Tossicologia ambientale / Ecotossicologia / Laboratorio di ittiotossicologia /

Il laboratorio di ittiotossicologia

Il Laboratorio di Ecotossicologia di Arpae Emilia-Romagna, Sezione Provinciale di Ferrara, nasce per rispondere all´esigenza di un approccio moderno allo studio della qualità dell´ambiente e dell´impatto provocato dall´attività antropica.

Il Laboratorio di Ecotossicologia è da diversi anni struttura di riferimento in materia di Ittiotossicologia per enti nazionali, quali Ispra (già Apat-Icram) e Istituto superiore di sanità, e locali quali Regione Emilia-Romagna, Provincia e Comune di Ferrara.

Perchè una struttura ARPA specializzata in Ittiotossicologia?

La normativa europea e quella italiana (2000/60/CE; D. L.vo 152/06; D.D. 23/12/2002) prevedono l’esecuzione di saggi biologici su organismi appartenenti a 3 differenti livelli trofici: alghe, crostacei e pesci. In Italia, già in passato, alcune specie ittiche sono state saggiate con successo ai fini dell’esecuzione di test di tossicità a breve e lungo termine. Il limite principale di tali applicazioni era rappresentato dal fatto che si trattava, essenzialmente, di specie dulciacquicole (trota iridea) o di specie marine non autoctone (Cyprinodon variegatus).

Questa lacuna è stata affrontata negli ultimi anni da  Arpa Ferrara, che in collaborazione con Icram, Apat (ora Ispra), Università di Camerino (CURDAM) e di Ferrara, ha individuato due specie ittiche eurialine autoctone idonee all´esecuzione di saggi di tossicità: il branzino (Dicentrarchus labrax) e l´orata (Sparus aurata). Per questi organismi, peraltro, esistono impianti di riproduzione tali da garantire sull´intero territorio nazionale e per gran parte dell´anno un’adeguata disponibilità di stadi larvali e giovanili da impiegare nei saggi.

 

Metodiche

Normativa

 

Riferimenti
Laboratorio di Ecotossicologia

presso il laboratorio integrato della Sezione provinciale di Ferrara 
Via Bologna, 534 - 44124 - Ferrara
centralino: 0532 901211 / fax: 0532 901241