Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Forlì-Cesena / Informazioni per le imprese / Campi elettromagnetici /

Campi elettromagnetici

Sito web Campi elettromagnetici

Documenti di accesso per l´ottenimento dei pareri e delle autorizzazioni relative all´esposizione ai campi elettro-magnetici

 

Bassa Frequenza - Elf

Per quanto riguarda le sorgenti a bassa frequenza (elettrodotti), l’ente competente per le autorizzazioni e comunicazioni è la Provincia (ai sensi della L.R. 10/93 vigente). Arpa è chiamata ad esprimere pareri preventivi ai sensi della L.R. 10/93 vigente, per opere relative a linee ed impianti elettrici con tensione nominale tra 5000 e 150000 Volt. Le opere possono riguardare sia la costruzione e l’esercizio di nuovi impianti o progetti di nuovi insediamenti, ampliamenti e varianti edilizie in prossimità di impianti esistenti.

Sulla base dei dati tecnici contenuti nella documentazione presentata dal soggetto richiedente, Arpa valuta:

  • la conformità delle opere relativamente all’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici prodotti, attraverso l’utilizzo di software dedicati;
  • la verifica del rispetto delle distanze elettrodotto-insediamento (determinate preventivamente) riportate nel progetto, in relazione ai valori di riferimento presenti nella normativa vigente (DPCM 08/07/2003 per basse frequenze).

In entrambi i casi, le valutazioni eseguite permettono di produrre un parere favorevole alla realizzazione delle opere, se i livelli di campo elettromagnetico stimati non superano i valori riportati nella normativa vigente (limiti di esposizione, valori di attenzione e obiettivo di qualità).

 

Alta frequenza (pareri SRB e Radio TV)

Per quanto riguarda le sorgenti ad alta frequenza (impianti per radiotelecomunicazione), l’ente competente per il rilascio di autorizzazioni e per il deposito di SCIA è il Comune/Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) (ai sensi delle L.R. 30/00, D.Lgs 259/03, legge 122/2010 e 221/2012).

Arpa esprime parere preventivo per la realizzazione di nuove infrastrutture sulle quali vengono installati nuovi impianti con potenza superiore a 20 W.

Per nuove infrastrutture, con impianti di potenza inferiore a 20 W, o per riconfigurazioni di impianti già esistenti (art.87-bis), valgono le procedure amministrative della SCIA: per queste Arpa procede comunque all’espressione di parere. Sulla base della documentazione presentata dal soggetto richiedente, Arpa valuta la conformità delle opere relativamente all’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici prodotti, attraverso l’utilizzo di software dedicati.
Le valutazioni eseguite permettono di produrre un parere favorevole alla realizzazione delle opere se i livelli di campo elettromagnetico stimato non superano i valori riportati nella normativa vigente (limiti di esposizione, valori di attenzione e obiettivo di qualità. Vedere DPCM 08/07/2003 per alte frequenze).