Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Piacenza / In evidenza / Inceneritore di Piacenza /

Inceneritore di Piacenza: Tecnoborgo

L´impianto di termovalorizzazione Tecnoborgo si trova a Piacenza, in località Borgoforte.

L´impianto consente l´incenerimento con recupero energetico di rifiuti urbani, speciali assimilabili agli urbani, fanghi biologici prodotti da impianti di depurazione e rifiuti sanitari.

L´impianto è dotato di due linee di incenerimento parallele ed ha una capacità annuale autorizzata pari a 120.000 t.

 

Rifiuti

Quantità anno 2012 (t/a)

Quantità autorizzata (t/a)

Totale

119.502

120.000

Sanitari

1.915

fino a 2.000

Fanghi biologici

2.180

fino a 3.500

Urbani e assimilabili

115.407

 

 

(Fonte: Tecnoborgo SpA)

La tecnologia di combustione realizzata è a griglia mobile.

Come previsto dalla normativa, viene effettuato il recupero energetico, ovvero l´impianto sfrutta il calore derivante dalla combustione dei rifiuti per produrre energia elettrica che, a parte gli autoconsumi, viene immessa nella rete elettrica nazionale.
L´energia elettrica prodotta nel 2012 ammonta complessivamente a 84.789 MWh (Fonte: Tecnoborgo SpA).

Il sistema di trattamento dei fumi emessi dall´impianto consiste in una doppia filtrazione (elettrofiltro e filtro a maniche), in un dosaggio di soluzione ammoniacale in camera di combustione per l´abbattimento non catalitico degli ossidi di azoto, in un sistema di abbattimento catalitico (SCR) per una ulteriore riduzione degli ossidi di azoto (installato sulla linea 1 a febbraio 2009 e sulla linea 2 a febbraio 2011), in un dosaggio di bicarbonato di sodio prima del filtro a maniche per l´abbattimento delle sostanze acide (principalmente acido cloridrico e ossidi di zolfo) contenute nei fumi, in un dosaggio di carbone attivo prima del filtro a maniche per l´abbattimento delle sostanze organiche (diossine, furani e idrocarburi policiclici aromatici) e dei metalli pesanti (mercurio in modo particolare).

Per ciò che riguarda le emissioni in atmosfera, sono previsti autocontrolli da parte del gestore dell´impianto, effettuati sia attraverso un sistema di rilevamento in continuo, i cui valori massimi semiorari e giornalieri sono riportati settimanalmente nella pagina web dedicata, sia mediante campionamenti puntuali, a frequenze prestabilite e differenziate in base ai diversi inquinanti (metalli, ammoniaca, acido fluoridrico e acido bromidrico, diossine e idrocarburi policiclici aromatici).

Arpa, inoltre, controlla con frequenza annuale le emissioni provenienti dalle due linee di incenerimento con prelievi puntuali ed effettua una supervisione delle verifiche condotte dal gestore dell´impianto sugli strumenti di rilevamento in continuo (in base a quanto disposto dalla normativa vigente).

I controlli sulle immissioni all´esterno dell´impianto vengono effettuati con un monitoraggio in continuo - gestito da Arpa per conto della Provincia - mediante una stazione fissa collocata in strada Borgoforte, quartiere Capitolo (denominata stazione "Ceno") ed un laboratorio mobile attualmente collocato nella frazione di Gerbido (per entrambe le postazioni i dati di monitoraggio sono disponibili fra le stazioni locali). Le due stazioni per il rilevamento dell´inquinamento atmosferico sono affiancate da una stazione meteorologica collocata presso l´impianto in Località Borgoforte. Nell´area esterna all´impianto è altresì previsto il monitoraggio discontinuo di diversi inquinanti.

La Regione Emilia-Romagna ha promosso un progetto coordinato da Arpa, che ha l´obiettivo generale di organizzare un sistema di sorveglianza ambientale e di valutazione epidemiologica nelle aree circostanti gli impianti di incenerimento di rifiuti urbani del territorio regionale (www.arpa.emr.it/moniter/ ).