Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Ravenna / Sede e contatti / Accesso agli atti /

Diritto di accesso

Come fare la richiesta di accesso ai documenti amministrativi e alle informazioni ambientali


 

Informazioni sull´accesso ai documenti amministrativi e alle informazioni ambientali

Cos´è il diritto di accesso?

 il diritto, riconosciuto dalla legge, di consultare e di ottenere copia dei documenti disponibili presso le strutture Arpa.

L´esame dei documenti è gratuito, per il rilascio di copie è invece richiesto il rimborso dei costi di riproduzione.

Riferimenti normativi Legge 7 agosto 1990, n. 241 - Decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 195 

Chi può chiedere l´accesso agli atti amministrativi e alle informazioni ambientali?

L´accesso ai documenti amministrativi è consentito a chiunque (persona fisica, giuridica o associazione) abbia un interesse diretto e concreto da tutelare.
Non è necessario dimostrare di avere un interesse da tutelare se i documenti richiesti sono attinenti allo stato delle componenti ambientali.

Come si fa la richiesta di accesso?

Si utilizza l´apposito modulo Richiesta di accesso a documenti, che si può anche ritirare presso i nostri uffici in orario di apertura al pubblico.

Nel modulo occorre:

    • indicare gli estremi del documento richiesto, o gli elementi che consentano di individuarlo
    • dimostrare la propria identità e gli eventuali poteri rappresentativi
    • specificare i motivi per i quali si presenta la richiesta
    • allegare le copie del prorio documento di identità, o il modulo per la delega.

La richiesta va indirizzata al Direttore della Sezione Arpae di Ravenna, può esser consegnata a mano o spedita per posta o tramite e-mail.

Cosa fare quando Arpae respinge o accoglie parzialmente la richiesta di accesso?

Arpae può decidere di accogliere, respingere, accogliere solo in parte la richiesta d´accesso, oppure di differire (rimandare) l´accoglimento della richiesta, motivando le ragioni nella risposta.
Arpae esprime la propria decisione entro 30 giorni dalla data di registrazione della richiesta di accesso.
Il richiedente può ricorrere al Tribunale Amministrativo Regionale (T.A.R.) nel termine di 30 giorni. La decisione del T.A.R. è appellabile davanti al Consiglio di Stato

In quali casi la domanda di accesso è respinta o differita?

Le richieste d´accesso possono essere respinte quando riguardano:

    • atti coperti da segreto di stato oppure relativi a strutture, mezzi ed azioni strumentali alla tutela dell´ordine pubblico ed alla repressione di condotte criminose;
    • atti strettamente strumentali all´attività di Polizia Giudiziaria condotta dagli operatori di vigilanza di Arpae;
    • dati ancora incompleti, o non rappresentativi o non ancora sottoposti a procedura di validazione;
    • conoscenze di carattere tecnico relative ai processi di lavorazione ed alle materie prime utilizzate nelle attività produttive;
    • dati, studi, progetti, piante e cartografie fornite ad Arpae da soggetti terzi, senza che questi siano giuridicamente tenuti a fornirli;
    • documenti amministrativi detenuti da Arpae e che altre Pubbliche Amministrazioni escludono dal diritto di accesso.

La domanda di accesso può essere differita fino a quando la diffusione di tali atti impedisca, od ostacoli, lo svolgimento delle attività istituzionali di Arpae o di altra Pubblica Amministrazione, oppure sia di pregiudizio alle funzioni inquirenti, giudicanti o sanzionatorie di cui siano titolari altre Autorità pubbliche.

 È differito l´accesso:

  • alle ricerche, alle elaborazioni ed agli studi eseguiti da Arpae su incarico di terzi fino alla concessione dell´autorizzazione da parte dei committenti;
  • agli atti trasmessi all´Autorità Giudiziaria fino al perdurare del segreto di cui agli artt. 114 e 329 c.p.p;
  • agli atti inerenti l´irrogazione di sanzioni amministrative fino alla conclusione del procedimento connesso;
  • agli atti preparatori di provvedimenti normativi, di amministrazione generale, di pianificazione o di programmazione, fino alla loro formale adozione da parte delle Autorità competenti.

 Chi è il Referente per l´accesso?

È un funzionario di Arpae, ha il compito di supportare le richieste presentate dal cittadino curando tutte le comunicazioni dovute.

Referente per l´accesso:
Paola Zanzi
Tel. 0544 210623
e-mail: pzanzi@arpae.it

 

 

Accesso civico. Si tratta del diritto di accesso a informazioni, documenti e dati riguardanti l’organizzazione, l’attività e le funzioni dell’Agenzia (secondo il Decreto Legislativo n. 33/2013) che Arpae ha l´obbligo di pubblicare sul proprio sitointernet per favorire la trasparenza pubblica.
Nel caso in cui alcuni dati non siano ancora stati pubblicati, è possibile fare richiesta di pubblicazione.

Accesso civico generalizzato. Si tratta del diritto di accedere - nel rispetto dei limiti stabiliti - a dati e documenti detenuti da Arpae per i quali non sussista l’obbligo di pubblicazione.