Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae /

Concessione acque pubbliche uso extradomestico

Ambito di applicazione

Chiunque - persone fisiche, in forma singola o associata, e persone giuridiche di diritto pubblico o privato - abbia necessità di utilizzare acqua pubblica, ad uso non domestico (si vedano le definizioni di domestico nella sezione apposita) deve presentare una richiesta per la concessione di acque pubbliche per uso extra-domestico alla SAC di Arpae competente per territorio, Unità Gestione Demanio Idrico in cui sono ubicate le opere di prelievo.

Con la determinazione di concessione viene assentito il prelievo e contestualmente approvato il disciplinare di concessione nel quale, sottoscritto per accettazione dall´utilizzatore, sono indicate le condizioni e le clausole che regolano il rapporto tra Amministrazione concedente e concessionario e definita la durata della concessione stessa.

L’istruttoria della domanda di concessione è soggetta al pagamento delle spese di istruttoria, mentre per l’esercizio dell’utenza è prevista la corresponsione da parte dell’utente di un canone annuo, diverso a seconda delle tipologie di utilizzo, ed alla costituzione di un deposito cauzionale pari ad una annualità del canone e comunque di importo non inferiore ad € 250.

Il termine fissato dal Regolamento regionale per la conclusione del procedimento istruttorio avviato con la domanda di concessione è di 150 giorni nel caso di concessione ordinaria e di 60 giorni nel caso di concessione semplificata. I termini sono sospesi in caso di richiesta pareri e di richiesta di integrazioni, come indicato all’art. 24 comma 5 del RR n. 41/2001

Alla SAC competente vanno anche presentate tutte le comunicazioni e richieste relative a tutte le modifiche connesse alla concessione rilasciata: cambio di titolarità, varianti, rinnovo, rinuncia, nonché quelle di rateizzazione dei canoni arretrati;alla restituzione del deposito cauzionale, etc..

Rinnovo: la domanda di rinnovo della concessione va presentata entro la scadenza del titolo ed è soggetta a pagamento di spese di istruttoria. 

Come individuare la SAC e il Bacino idrografico di riferimento

Modalità di pagamento: per quel che riguarda l´importo dei pagamenti occorre fare riferimento alla vigente normativa regionale

Moduli

Concessione acque pubbliche uso extra domestico (istanza/variante/rinnovo/cambio titolarità/subentro/rinuncia)

 pdf  odt  doc

 

Normativa 

R.D. 1975/1933

D.P.R. 238/1999

Regolamento regionale 41/2001

Regolamento regionale n. 4/2005

Legge regionale 21 aprile 1999, n. 3 Titolo VI, Capo IV—3#

Legge Regionale n. 4 del 6 marzo 2007

L.R.18/5/1999, n. 9 -Disciplina della procedura di valutazione dell´impatto ambientale

D.Lgs 152/2006

D.Lgs 387/2003

Piano di Tutela della Acque (PTA) della Regione Emilia-Romagna

D.G.R. n. 1793/2008 "Direttive in materia d´acqua pubblica ad uso idroelettrico" 

 

Indirizzi Sac

Concessioni e demanio idrico modalità di pagamento

Autorizzazioni e concessioni   Torna a Autorizzazioni e Concessioni