Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Amministrazione trasparente / Attività e procedimenti /

Dettaglio Rilascio di concessione preferenziale/riconoscimento antico diritto - demanio idrico

La concessione consente l´utilizzo e la derivazione di acque pubbliche a coloro che alla data del 10 agosto 1999 prelevavano acque non iscritte negli Elenchi delle acque pubbliche. Il riconoscimento sancisce il diritto all´uso di acque pubbliche in capo ai possessori di un titolo legittimo che, al tempo dell´emanazione della Legge n. 1264/1886, consentiva l´uso di acque poi qualificate come pubbliche.

Riferimenti normativi e regolamentari: R.D. 1775/1933; L.R. 4/2007; R.R. 41/2011; L.R. 7/2004; L.R. 13/2015.

MODALITA´ AVVIO PROCEDIMENTO
(istanza di parte o d´ufficio)
Istanza di parte
UNITA´ ORGANIZZATIVA COMPETENTE Area Coordinamento rilascio concessioni della Direzione Tecnica
RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Responsabile Area Coordinamento rilascio concessioni della Direzione Tecnica o suo delegato
RESPONSABILE DEL PROVVEDIMENTO FINALE Responsabile Area Coordinamento rilascio concessioni della Direzione Tecnica
TIPOLOGIA PROVVEDIMENTO FINALE Determinazione dirigenziale
SOGGETTO CON POTERE SOSTITUTIVO In base a principi generali in caso di inerzia del soggetto competente provvede il Dirigente sovraordinato.
TERMINE DI CONCLUSIONE 150 giorni (il termine per la richiesta di questa tipologia di concessione è scaduto il 31/12/2007)
ELENCO ATTI O DOCUMENTI DA ALLEGARE ALL´EVENTUALE ISTANZA DI PARTE Modulistica
DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL PROVVEDIMENTO / SILENZIO ASSENSO DELL´AMMINISTRAZIONE Non previsti
STRUMENTI DI TUTELA AMMINISTRATIVA E GIURISDIZIONALE Avverso il provvedimento finale è ammesso ricorso dinnanzi al Tribunale superiore delle acque pubbliche entro 60 giorni dalla avvenuta conoscenza del provvedimento.
NOTE (EVENTUALI)