Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae /

Sanzioni amministrative

L´applicazione delle sanzioni amministrative è disciplinata dalla legge 24 novembre 1981 n. 689 e dalla legge regionale 28 aprile 1984 n. 21. Nel procedimento di applicazione delle sanzioni amministrative le fasi principali sono:

  • accertamento della violazione e contestazione e/o notifica
  • pagamento in misura ridotta
  • presentazione di scritti difensivi
  • ordinanza di ingiunzione o di archiviazione
  • opposizione
  • riscossione coattiva
  • rateizzazione
  • rimborso 


Accertamento e contestazione e/o notifica

Gli organi di controllo (Carabinieri, Vigili Urbani, agenti accertatori regionali ecc.) provvedono ad accertare eventuali violazioni mediante redazione di processo verbale a carico della persona individuata come trasgressore e dell´eventuale obbligato in solido.


Pagamento in misura ridotta

Il trasgressore o l´obbligato in solido, entro 60 giorni dal ricevimento del verbale di accertamento, possono effettuare il pagamento della sanzione in misura ridotta.


I pagamenti per sanzioni amministrative ambientali in misura ridotta di competenza Arpae sono effettuabili, entro i termini indicati nel relativo verbale o ordinanza ingiunzione, tramite bonifico al seguente IBAN: IT 19 X 02008 02435 000104059190, o tramite piattaforma Payer - PagoPa, specificando nella causale di versamento, il numero e la data del processo verbale, il nome del trasgressore.


Presentazione scritti difensivi

Entro 30 giorni dal ricevimento del verbale il trasgressore o l´obbligato in solido possono presentare uno scritto difensivo per contestare o precisare quanto verbalizzato.

Per tutte le sanzioni relative a materie di competenza di Arpae, in quanto soggetto titolare di funzioni di amministrazione attiva, tale scritto difensivo deve pervenire alla Struttura Autorizzazioni e Concessioni (SAC) del territorio nel quale è stata commessa la violazione.

Nelle materie di competenza di Arpae, la SAC è sempre il soggetto preposto alla ricezione dell’eventuale scritto difensivo, anche nel caso in cui la violazione sia rilevata da altri organi accertatori.