Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Strumenti di sostenibilità / Argomenti / Ecolabel /

Chi può richiedere l´Ecolabel UE

Attualmente possono richiedere l´Ecolabel europeo 26 gruppi di prodotti/servizi:;

  1. calzature; 
  2. carta copie e carta grafica; 
  3. carta da giornale; 
  4. carta stampata; 
  5. coperture dure; 
  6. detersivi per bucato; 
  7. detersivi per bucato per uso professionale; 
  8. detersivi per lavastoviglie; 
  9. detersivi per lavastoviglie automatiche industriali o professionali; 
  10. detersivi per piatti; 
  11. lubrificanti; 
  12. materassi da letto; 
  13. mobili; 
  14. personal computer, notebook, tablet; 
  15. prodotti cosmetici da sciacquare; 
  16. prodotti di carta trasformata;
  17. prodotti igienici assorbenti; 
  18. Prodotti per la pulizia per superfici dure;
  19. prodotti tessili; 
  20. prodotti vernicianti per esterni e interni 
  21. riscaldamento ad acqua 
  22. rivestimenti del suolo a base di legno, sughero e bambù; 
  23. strutture ricettive; 
  24. substrati di coltivazione, ammendanti e pacciame; 
  25. televisori; 
  26. tessuto-carta. 

Assegnazione del marchio Ecolabel UE

Ogni operatore (inteso come qualsiasi produttore fabbricante, importatore, fornitore di servizi, grossista o dettagliante) che desidera utilizzare il marchio Ecolabel UE deve verificare il soddisfacimento dei requisiti riportati nella Decisione di riferimento. Per ciascun gruppo di prodotto/servizio, è inoltre reso disponibile dalla Commissione EU/Organismo competente un manuale tecnico. Ciascun manuale contiene tutte le informazioni sui criteri e sui rapporti di prova necessari per il rilascio del marchio per quel gruppo di prodotti. A seguire l´operatore deve effettuare una pre-registrazione al Catalogo Ecolabel della Commissione europea (ECAT) per ogni singolo prodotto o servizio per cui intende richiedere la concessione, il rinnovo o l´estensione della licenza d´uso del marchio. Contestualmente, il richiedente deve inviare all´Organismo competente formale richiesta di concessione rinnovo o estensione del marchio.
In Italia, la domanda, a cui vanno allegati tra gli altri:

  • evidenza del pagamento dei diritti d’istruttoria;
  • evidenza del pagamento del diritto d’uso del marchio Ecolabel UE (nel caso di rinnovo o estensione);

deve essere presentata al Comitato Ecolabel-Ecoaudit, Sezione Ecolabel, che provvede ad inoltrarla ad ISPRA per l´esecuzione dell´istruttoria tecnico-amministrativa. ISPRA ha 60 giorni di tempo per verificare la conformità del prodotto/servizio ai criteri Ecolabel di riferimento e per comunicare il risultato al Comitato. A tal fine, ISPRA, può svolgere delle verifiche presso le aziende richiedenti il marchio. Per quanto concerne il servizio strutture ricettive, come previsto dalla relativa Decisione, le verifiche presso le aziende sono sempre effettuate durante il procedimento istruttorio per la prima concessione o il rinnovo del marchio Ecolabel UE.
Se l´istruttoria ha esito positivo il Comitato, entro 30 giorni, delibera l’accoglimento della domanda di concessione del marchio Ecolabel UE  e dopo sottoscrizione  del relativo contratto d’uso della licenza Ecolabel concede il certificato.  Il supporto ISPRA procede alla conferma della pre-registrazione effettuata sull’ECAT dal richiedente stesso e aggiorna il Registro Ecolabel nazionale, consultabile sul sito web della Sezione Ecolabel.

Per ulteriori approfondimenti si veda la "Procedura per la concessione del marchio di qualita’ ecologica dell’Unione Europea (Ecolabel UE) e per la vigilanza sul corretto uso dello stesso ai sensi del regolamento CE 66/2010 del Parlamento europeo e del Consiglio - Rev. 2 del 16 luglio 2017.

 

Contenuti aggiornati al 15 gennaio 2018