Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / UV Radiazioni ultraviolette / Utilità / Glossario /

Glossario

 

A

ACCLIMATAZIONE
processo di adattamento fisiologico e/o del comportamento al variare delle condizioni climatiche

AMBIENTE
E´ un sistema complesso in cui i rapporti sono concatenati ed intrecciati in modo dinamico. Per comprenderne il funzionamento occorre considerare le connessioni, i rapporti, gli insiemi. Ogni insieme costituisce un sottosistema di un insieme più vasto. L´ambiente non è costituito da fenomeni naturali soltanto fisici o chimici o biologici: quando è implicato l´uomo è necessario analizzare e valutare anche, ad es., gli aspetti psicologici, filosofici e sociali.

ATMOSFERA
Guscio gassoso che circonda la superficie della Terra e di altri corpi celesti. Si chiama così anche una unità di pressione uguale alla pressione esercitata al livello del mare alla temperatura di 0°C dall´atmosfera terrestre.

 

B

BETACAROTENE
è una sostanza naturale contenuta in molti vegetali, che ha una spiccata azione antiossidante. Protegge la pelle dai danni dei raggi UV bloccando i radicali liberi

BIOSFERA
Indica l´involucro esterno alla superficie terrestre, costituito da aria, acqua, suolo e sottosuolo (per la profondità di poche decine di metri), in cui sussistono le condizioni essenziali alla vita; per estensione definisce l´insieme delle forme viventi.

 

C

CELSIUS
Una scala del termometro, nella quale la differenza di temperatura fra l´acqua che bolle e quella sul punto di congelarsi è di cento gradi. In questa scala di temperatura l´acqua bolle a 100 gradi e congela a 0 gradi

CENTIGRADO

Vedi Celsius

CLIMA
la parola clima deriva dal greco e significa inclinazione. Già i greci, infatti, si erano resi conto che il mutare delle stagioni e delle condizioni dell´atmosfera sono legate alla diversa inclinazione con la quale i raggi solari giungono sulla terra. Questa importante considerazione era stata resa possibile dall´osservazione dell´ombra degli oggetti: un oggetto alla stessa ora del giorno, in una stessa località, mostra un´ombra di lunghezza diversa nel corso dell´anno, con un massimo, che fu chiamato solstizio d´estate, ed un minimo, detto solstizio d´inverno. Il clima si definisce, infatti, come il ricorrere da un anno ad un altro in una stessa località e nello stesso periodo di tempo di condizioni meteorologiche analoghe.

COLPO DI CALORE O IPERPIRESSIA
causato da temperature elevate (circa 37ºC), associate alla mancanza di ventilazione ed all´elevato tasso di umidità a cui l´organismo non riesce ad adattarsi. Può manifestarsi anche in ambiente chiuso oppure in un luogo dove non batte direttamente il sole. Nel caso d´aria satura anche il processo di evaporazione, ultima chance per il raffreddamento, viene a cessare. In tali condizioni non si verifica lo scambio termico tra corpo ed ambiente, provocando l´innalzamento della temperatura corporea oltre i 41 ºC.

COLPO DI SOLE O INSOLAZIONE
decorso in genere più benigno del colpo di calore. È un´alterazione della capacità di termoregolazione dell´organismo, conseguente ad una esposizione prolungata alla radiazione solare diretta, senza adeguata protezione, indipendentemente dal grado di umidità dell´aria, che, viceversa, è sempre molto elevato nel colpo di calore.

CRAMPI DA CALORE
contrattura muscolare localizzata spastica, violenta e dolorosa, per lo più di breve durata, spesso associata a stanchezza in seguito ad esercizio fisico eseguito al caldo e ad intensa sudorazione (scompenso chimico), senza adeguata reidratazione. Sono favoriti da elevata perdita di sali che può essere evitata con una buona acclimatazione, la cui funzione è quella di regolare la concentrazione dei sali nel sudore.

CUTE
è il nome scientifico della pelle, composta da epidermide e derma

 

D

DERMA
Componente profonda della pelle, posta sotto l´epidermide, di natura connettivale con funzione di sostegno e di alimentazione

DERMATITE

Processo infiammatorio della pelle

DURTA DI PERMANENZA
Più breve è il tempo di permanenza in un luogo esposto alle radiazioni, minore è la quindi il pericolo.

 

E

EFFETTO SERRA

Quando i raggi del Sole colpiscono la terra, questa li assorbe e li riemette sotto forma di calore. Nell´atmosfera ci sono dei gas che non lasciano fuggire questo calore, ma lo trattengono e lo dirigono di nuovo verso la terra, riscaldandola. Senza di essi, la temperatura media sulla superficie terrestre sarebbe di -15/-20 °C. Questi gas sono soprattutto l´anidride carbonica, il metano e i clorofluorocarburi. L´attività umana però immette nell´atmosfera una grande quantità di questi gas, soprattutto di anidride carbonica. Ad esempio, dall´inizio della rivoluzione industriale a oggi, l´anidride carbonica che è in atmosfera è passata da 280 ppm (parti per milione) a 360 ppm. L´effetto è che la terra si riscalda di più. Quando si parla di Effetto Serra non si intende il fenomeno naturale, ma la sua amplificazione causata dall´uomo.

ERITEMA
E´ una modificazione transitoria del colorito della cute con tonalità diverse di rosso, che scompare temporaneamente sotto l´effetto di una pressione esercitata, per esempio, con un dito.

ERITEMA SOLARE
arrossamento della pelle che compare alcune ore dopo l´esposizione al sole e raggiunge la massima intensità dopo 24 ore.

EPIDERMIDE

Componente superficiale della pelle o cute costituita da un epitelio pavimentoso pluristratificato nel quale si osservano, a partire dalla regione a contatto con il derma sottostante, 5 strati principali: basale, spinoso, granuloso, lucido e corneo

ESCURSIONE TERMICA
Differenza tra la temperatura massima e minima in un luogo, misurate in un dato periodo di tempo. Quella tra il giorno e la notte è detta escursione diurna; La temperatura subisce inoltre una variazione durante le diverse stagioni. I giorni si allungano d´estate e si accorciano d´inverno per effetto della non perpendicolarità dell´orbita dell´asse terrestre. Inoltre la variazione della latitudine influisce sulla differenze tra giorno e notte: più si sale, più si accentua tale differenza. D´estate, poiché le ore di insolazione aumentano mentre le ore notturne si accorciano, il bilancio termico tra il riscaldamento diurno e il raffreddamento diurno è a favore del caldo; d´inverno si verifica la situazione contraria ovvero la temperatura media si abbassa perché la notte è più lunga del giorno. La differenza tra il mese più caldo e quello più freddo viene chiamata escursione termica annuale.

F

FAHRENHEIT
Una scala di temperatura secondo la quale l´acqua bolle a 212 gradi e congela a 32 gradi.

FOTODERMATOLOGIA
E´ la branca della dermatologia che si occupa degli effetti delle radiazioni ultraviolette sulla pelle.

FOTODERMATOSI
Sono malattie della pelle che si manifestano con una intolleranza ai raggi ultravioletti, sia artificiali che solari. La causa è ancora sconosciuta.

FOTO-PATCH-TEST
Test utilizzato per evidenziare le fotoallergie, si esegue applicando sulla pelle una serie di sostanze chimiche e successivamente esponendo la parte ai raggi UVA di una lampada.

FOTOINVECCHIAMENTO
E´ l´invecchiamento della pelle dovuto al sole.

G

 

H

 

I

 

J

 

K

 

L

LENTIGGINE SOLARE
lesione pigmentata, acquisita piana, isolata o multipla che compare sulla cute dopo anni di esposizione solare o dopo esposizioni scorrette.

LENTIGO MALIGNA
Forma particolari di melanoma che compare in soggetti anziani in zone cronicamente esposte al sole. Talvolta simile ad una lentiggine solare isolata.

LENTI POLARIZZANTI
Lenti che eliminano l´abbagliamento da riverbero.

L´abbagliamento è dovuto ad una luce riflessa intensa ed accecante. Quando i raggi del sole colpiscono una supericie lucida vengono riflessi, quasi sempre direttamente negli occhi. Durante la giornata, l´abbagliamento può prodursi in diverse circostanze: riverbero del sole sul manto stradale, sul parabrezza dell´auto, sull´acqua, sul ghiaccio, sulla neve e su qualsiasi altra superficie riflettente. La luce solare può essere riflessa anche dalle particelle che compongono la nebbia, la pioggia o la foschia.

Vantaggi delle lenti polarizzanti:

1) contengono una speciale pellicola in grado di separare la luce utile da quella che non nuoce alla visione (raggi orizzontali);

2) permettono di guidare o praticare sport in piena libertà e in tutta sicurezza. In assenza di luce abbagliante, le lenti polarizzanti si comportano esattamente come delle lenti tradizionali ma, in presenza di luce abbagliante, agiscono come una " tendina veneziana" che blocca i raggi indesiderati;

3) oltre ad essere confortevoli, le lenti polarizzanti rendono i colori più brillanti e i contrasti più rafforzati, benefici non trascurabili in svariate circostanze.

M

MELANINA
Detta anche pigmento melanico. E´ un pigmento naturale che conferisce il colore alla cute, alla retina, ai capelli ed ai peli. E´ prodotta dai melanociti. La melanina è efficace nel proteggere la pelle dai raggi UV.

MELANOCITA
Cellula dell´epidermide dotata di lunghi prolungamenti ed in grado di sintetizzare un pigmento detto melanina, accumularlo in organelli citoplasmatici, i melanosomi, e trasferirlo ai cheratinociti determinando vari gradi di colorazione della pelle.

METANALISI
Tecnica di analisi statistica che raccoglie e combina dati provenienti da studi differenti

N

NANOMETRO (abbreviazione: nm)
unità di misura che equivale ad un milionesimo del metro; si usa per la lunghezza d´onda delle radiazioni elettromagnetiche.

NEVI
Lesioni cutanee pigmentate. Possono essere suddivisi in melanocitici, epidermici e dermici. Possono essere congeniti o acquisiti. 

O

OSTEOPOROSI
E´ una condizione caratterizzata dalla diminuzione della massa ossea e dal deterioramento della microarchitettura del tessuto osseo: questo porta a un aumento della fragilità ossea e conseguente aumento del rischio di fratture, che si verificano soprattutto nelle zone del polso, delle vertebre e del femore prossimale.

OZONO (FASCIA DI) o OZONOSFERA
Sottile strato di ozono situato nella stratosfera tra i 15 ed i 60 km di quota, prodotto dall´azione delle radiazioni solari sulle molecole di ossigeno. Ha funzioni protettive indispensabili alla vita grazie alla sua capacità di assorbire i raggi ultravioletti nocivi; Può essere gravemente danneggiata dal FREON (nome commerciale di un gruppo di idrocarburi utilizzati come agenti refrigeranti o propellenti per la produzione di aerosol). L´OZONO è una molecola composta da 3 atomi di ossigeno, altamente instabile, che si forma spontaneamente nell´atmosfera grazie all´apporto di energia (raggi solari ultravioletti, fulmini...).

P

 

Q

 

R

RADIAZIONE
Flusso di energia elettromagnetica.

  • elettromagnetica : forma di radiazione in cui l´energia è mediata da campi elettrici e magnetici oscillanti che si muovono insieme e si propagano nello spazio alla velocità della luce. La radiazione elettromagnetica è generata dall´ accelerazione di una carica elettrica, per esempio dal moto di elettroni in un´antenna.
  • luminosa : comprende tutte le radiazioni elettromagnetiche comprese fra i 390 e i 690 nanometri di lunghezza d´onda.
  • solare : E´ la radiazione misurata a terra su un piano orizzontale, che giunge direttamente dal sole o che viene diffusa per effetto delle nuvole o di altri componenti dell´atmosfera. Si esprime in Watt m -2 (o cal cm -2 min -1 ). Nei riepiloghi giornalieri e in quelli mensili si indica il valore totale del periodo considerato. Questi dati sono utilizzati per fini diversi, come ad esempio il calcolo dell´evaporazione, la progettazione bioclimatica, il dimensionamento dei pannelli solari ecc..

La radiazione solare, durante il giorno, varia in relazione all´altezza del sole sull´orizzonte, raggiungendo il suo massimo a mezzogiorno. La quantità totale giornaliera varia in funzione dell´altezza del sole a mezzogiorno e della lunghezza del giorno. Durante l´anno la radiazione varia in funzione della posizione reciproca sole - terra, presentando nell´emisfero Nord un massimo al solstizio d´estate (21 giugno) ed un minimo al Solstizio d´inverno (21 dicembre). Nell´emisfero Sud il fenomeno ha un andamento inverso. Gli strumenti utilizzati per la misura di questa grandezza sono detti solarimetri o piranometri.

 

RADIAZIONE INFRAROSSA
Radiazione elettromagnetica penetrante che ha lunghezze d´onda estremamente corte

 

RAGGI GAMMA
Radiazioni elettromagnetiche di grande lunghezza d´onda che fanno parte dello spettro non visibile. Gli esseri umani sentono le radiazioni infrarosse sotto forma di calore. RADIO ONDE Un tipo di radiazione elettromagnetica che ha le più basse frequenze, le maggior lunghezze d´onda, ed è prodotta da particelle cariche che si muovono avanti ed indietro. Le onde radio non vengono bloccate dalle nubi nell´atmosfera terrestre.

RAGGI ULTRAVIOLETTI
Radiazione elettromagnetica invisibile con lunghezza d´onda molto corta. Gli uomini possono rimanere seriamente scottati dai raggi ultravioletti emessi dal Sole.

RAGGI X
Radiazione elettromagnetica invisibile con lunghezza d´onda molto corta. Gli uomini possono rimanere seriamente scottati dai raggi ultravioletti emessi dal Sole.

 

S

SPETTRO
E´ la banda di colori che la luce visibile forma quando passa attraverso un prisma. La banda spazia dal violetto (lunghezze d´onda più corte) al rosso (lunghezze d´onda maggiori).

SPETTRO ELETTROMAGNETICO
Tutto l´insieme dei differenti tipi di radiazioni, o onde, elettromagnetiche. Lo spettro elettromagnetico va dalle onde molto lunghe, basse frequenze onde radio, attraverso le radiazioni infrarosse e visibili fino alle altissime frequenze e lunghezze d´onda corte dei raggi gamma ed X. Le lunghezze d´onda associate alla luce visibile hanno uno specifico colore assegnato quando passano attraverso un prisma. Le frequenze minori, lunghezze d´onda maggiori, producono il rosso mentre le lunghezze d´onda più corte, frequenze maggiori, producono il violetto. Quelle lunghezze d´onda. Le lunghezze d´onda intermedie producono l´arancio, il giallo, il verde e il blu.

SPETTROGRAFIA
L´immagine dello spettro elettromagnetico prodotto da uno spettroscopio.

SPETTROSCOPIO
Uno strumento che separa la luce visibile nelle sue varie lunghezze d´onda Ogni lunghezza d´onda corrisponde ad uno specifico colore nello spettro.

 

SPINALIOMA
E´ un tumore maligno della pelle che si sviluppa nell´epidermide e può essere provocato dell´esposizione ai raggi ultravioletti. Colpisce soprattutto gli anziani e coloro che si sono ripetutamente esposti al sole per lunghi periodi. Si localizza spesso al viso.

STRATOSFERA
La stratosfera è la parte dell´atmosfera che si trova sopra alla troposfera. Contiene la fascia di ozono che protegge dai raggi ultravioletti, assorbendoli.

 

T

 

U

 

V

VITAMINA A
Vitamina liposolubile la cui mancanza provoca disturbi della vista, alterazioni degli epiteli che tendono ad ispessirsi e blocco della crescita.

VITAMINA D
Gruppo di sostanze di natura steroidea, liposolubile, ad azione antirachitica. I due composti principali sono la vitamina D2 o ergocalciferolo e la vitamina D3 o colecalciferolo derivanti dai loro precursori per azione dei raggi ultravioletti del sole.