Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Energia /

Cop24: ultimi giorni della conferenza sul clima in Polonia

Aspettattive per l´accordo operativo sulle politiche internazionali di lotta al cambiamento climatico

(10/12/18) 

 

Venerdì 14 dicembre a Katowice in Polonia si chiuderà la COP24, che dovrebbe fissare le regole per rendere operativi gli impegni assunti dall´Accordo di Parigi. Saranno presenti circa 60 delegazioni internazionali ed i capi di Stato di Bulgaria, Svizzera, Slovenia, Montenegro, Macedonia, Fiji e Nepal.

Le aspettative sono molto alte; siamo in una fase molto delicata perché malgrado l´accelerazione degli eventi climatici estremi, l´isolazionismo degli USA rischia di trovare terreno fertile in altri paesi, come il Brasile. Patricia Espinosa, la segretaria esecutiva della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (Unfccc), ha parlato di una "Parigi 2.0". Nei prossimi giorni si dovrà indicare la direzione che il mondo vuole prendere ed i partecipanti saranno chiamati a creare un "Rule Book", un sistema di regole per rendere operativi gli impegni assunti a Parigi nel 2015; si definiranno le azioni da intraprendere prima del 2020, quando l´Accordo diventerà operativo, e soprattutto si cercherà di definire la questione dei finanziamenti necessari per la lotta ai cambiamenti climatici da parte delle nazioni più vulnerabili.

I Paesi meno sviluppati hanno dichiarato, attraverso il portavoce Gebru Jember Endalew, di essere i meno responsabili del cambiamento climatico, ma anche i più vulnerabili alle sue conseguenze. Il recente rapporto del Comitato dell´Onu per il clima (Ipcc) attirò l´attenzione per gli allarmi sui rischi collegati all´aumento delle temperature, attualmente fuori dai valori programmati, verso un aumento di 3 gradi centigradi invece che di 1,5, come invece previsto a Parigi. Il documento Ipcc è diventato il terreno di scontro fra i Paesi più restii ad accettare il cambiamento climatico e gli altri convenuti alla COP24. Si è profilato uno scontro istituzionale quando alcuni di questi Paesi non hanno voluto inserire nel documento finale una frase di benvenuto al documento dell´Ipcc.



Versione stampabileVersione stampabile