Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae /

22 marzo, Giornata mondiale dell´acqua

I dati sulle acque in Europa, in Italia e in Emilia-Romagna.

(22/03/19) 

Dal 1993 il 22 marzo è la Giornata mondiale dell’acqua. La ricorrenza fu stabilita dall’Assemblea generale delle Nazioni unite con l’obiettivo di richiamare l’attenzione pubblica sull’importanza di questa risorsa e promuovere la gestione sostenibile delle risorse idriche.

Il tema dell´edizione 2019 è "Non lasciamo indietro nessuno" ("Leaving no one behind"), con l´obiettivo di porre l´attenzione sul diritto di tutti gli esseri umani ad avere acqua sicura e accessibile, come affermato da uno degli Obiettivi di sviluppo sostenibile Onu (Sdg 6: "Garantire a tutti la disponibilità e la gestione sostenibile dell’acqua e delle strutture igienico-sanitarie").

Il rapporto dell´Agenzia europea per l´ambiente "L´acqua è vita"

L’Agenzia europea per l’ambiente (EEA) ha pubblicato il rapporto “L’acqua è vita”. Il documento esamina la situazione attuale dell’acqua in Europa, illustrando i dati del Rapporto pubblicato nel luglio 2018 sullo stato delle acque e degli ecosistemi, soffermandosi sugli impatti delle attività umane e dei cambiamenti climatici, e sulle iniziative a livello Ue per migliorare la situazione e la governance della risorsa idrica.

Vai alla notizia che illustra il rapporto

Scarica il rapporto "L´acqua è vita" (sito EEA)

 

La qualità dell´acqua in Italia

Nella giornata mondiale dedicata all’acqua, l’Ispra rilancia i dati diffusi qualche giorno fa con l’Annuario dei dati ambientali relativi alla qualità delle acque interne e dell’ambiente marino costiero.

Qualità delle acque interne in Italia: su 7.493 fiumi, il 43% raggiunge l´obiettivo di qualità per lo stato ecologico, il 75% raggiunge quello per lo stato chimico. Su un totale di 347 laghi, solo il 20% raggiunge l´obiettivo di qualità per lo stato ecologico, il 48% dei laghi raggiunge quello per lo stato chimico. Dove sono collocati? I fiumi che a livello regionale raggiungono l’obiettivo di qualità buono si trovano nella provincia di Bolzano (94%), Valle d´Aosta (88%), provincia di Trento (86%), Liguria (75%); quelli con uno stato chimico buono superiore al 90%, si trovano in Molise, Piemonte, Valle d´Aosta, Liguria, Emilia-Romagna, Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo e nelle province autonome di Trento e Bolzano.
Da segnalare l´alta percentuale dei corpi idrici lacustri non classificati (sia per lo stato ecologico sia per lo stato chimico), soprattutto nei Distretti Appennino Meridionale e Sicilia. Il Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente sta lavorando per implementare le attività sulle acque e rendere classificabile il maggior numero di corpi idrici.
I laghi che a livello regionale raggiungono un obiettivo di qualità buono sono in Valle d´Aosta (100%), provincia di Bolzano (89%), Emilia-Romagna (60%); quelli con uno stato chimico buono per il 100% sono in Valle d´Aosta, Liguria, Emilia-Romagna, Abruzzo, Molise e nella provincia di Bolzano.
Per ciò che riguarda le acque sotterranee, il 61% si trova in stato quantitativo "buono" e il 58% in stato chimico ""buono".

Gli habitat marino costieri rappresentano ambienti estremamente importanti dal punto di vista ecologico e paesaggistico, ma allo stesso tempo sono tra gli ecosistemi più vulnerabili e più seriamente minacciati.
Nel quinquennio 2014-2017, più dell’89% delle acque costiere di balneazione risulta in clase eccellente; nel 2017 lo stato di qualità delle acque costiere di balneazione, in relazione ai fattori igienico-sanitari, ricade in classe eccellente per l’89,7%, buona per il 5,4%.
Il Distretto della Sardegna presenta il 92% dei corpi idrici marino costieri uno stato ecologico "buono" e il 90% uno stato chimico “buono”.
Restando in ambiente marino costiero, la presenza dell´alga tossica Ostreoptis ovata, nel 2017 è stata riscontrata in 10 regioni costiere; assente in Abruzzo, Emilia-Romagna e Veneto.

Annuario dei Dati ambientali Ispra - Edizione 2018

 

La qualità dell´acqua in Emilia-Romagna

Anche Arpae ha da poco diffuso il proprio rapporto "Dati ambientali 2017. La qualità dell´ambiente in Emilia-Romagna". I dati relativi alle acque superficiali, alle acque sotterranee e alle acque marino-costiere sono riassunti nelle infografiche che riportiamo di seguito.

Acque superficiali

Acque sotterranee

Acque marine

Vai alla pagina del sito Arpae dedicata al tema ambientale dell´acqua

Il rapporto "Dati ambientali 2017. La qualità dell´ambiente in Emilia-Romagna"

I dati ambientali Emilia-Romagna 



Versione stampabileVersione stampabile