Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae /

Agro-fotovoltaico: più energia rinnovabile e migliori raccolti

Il sistema sperimentato in Germania ha consentito alle piante di sopportare meglio caldo e siccità estiva

(23/04/19) 

Secondo i risultati di un progetto-pilota in Germania dell’Istituto Fraunhofer per i sistemi energetici solari (Fraunhofer ISE; APV-RESOLA) i pannelli fotovoltaici montati alcuni metri sopra il terreno potrebbero contribuire a migliorare la resa di alcune colture. Fotovoltaico ed agricoltura possono coesistere avendo vantaggi reciproci in termini di produttività.

I ricercatori stanno testando un sistema agro-fotovoltaico presso il lago di Costanza, nell’ambito del progetto Agrophotovoltaics – Resource Efficient Land Use (APV-RESOLA). L’impianto fotovoltaico pilota ha una potenza di quasi 200 kW e pannelli sopraelevati a cinque metri dal terreno coltivato; qui i contadini di Heggelbach hanno coltivato grano invernale, patate, trifoglio e sedano, con raccolti più abbondanti rispetto a quelli normali senza pannelli fotovoltaici soprastanti (solo il trifoglio ha registrato una live riduzione di resa). L’irraggiamento solare sotto i moduli è stato del 30% circa inferiore rispetto al campo agricolo senza pannelli; la temperatura del suolo è stata un po’ più bassa e la terra più umida. I ricercatori sostengono che il sistema agro-fotovoltaico ha consentito alle piante di sopportare meglio il caldo e la siccità estiva, grazie all’ombreggiamento offerto dai moduli semitrasparenti. Inoltre sempre secondo il Fraunhofer ISE in un altro progetto-pilota in India, il sistema combinato agro-fotovoltaico ha fatto incrementare fino al 40% la resa agricola di pomodori e cotone.



Versione stampabileVersione stampabile