Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Idro-Meteo-Clima /

Ondata di calore e alte concentrazioni di ozono

Aggiornamenti e tendenze per i prossimi giorni in Emilia-Romagna

(28/06/19) 

È ancora in atto l’ondata di calore che dal 26 giugno sta interessando tutto il territorio emiliano-romagnolo e, in generale, il bacino padano. Le condizioni meteorologiche favoriscono l’innalzamento dei valori dell’ozono in atmosfera, facendo registrare superamenti della soglia di informazione (media oraria 180 µg/m3) in 9 stazioni sulle 33 della rete regionale (il 26 giugno) e in 22 stazioni il 27 giugno. Le tendenze per venerdì 28, e in maggior misura per sabato 29, mostrano per quanto riguarda gli aspetti meteorologici una leggera flessione delle temperature. Tuttavia il campo di pressione è ancora di tipo anticiclonico: per questo motivo le concentrazioni di ozono subiranno una diminuzione, ma non particolarmente significativa. 

Ozono: superata la soglia di informazione il 26 e 27 giugno

I valori più alti registrati in regione si sono attestati, in entrambi i giorni, oltre la “soglia di informazione”, facendo però registrare, in alcuni casi, concentrazioni prossime a 240 µg/m3, valore che, se superato per 3 ore consecutive, costituisce un superamento della soglia di allarme.

I livelli più alti si sono registrati giovedì 27 giugno in provincia di Piacenza (236 µg/mnella stazione Parco Montecucco, 230 stazione Besenzone), Parma (224 e 204 µg/m3rispettivamente nelle stazioni Colorno-Saragat e Cittadella), Reggio Emilia (221 alla stazione San Rocco-Guastalla), Modena (228 stazione Carpi-Remesina e 214 stazione Mirandola-Gavello), Bologna (226 stazione via Chiarini, 204 stazione Giardini Margherita), Ferrara (225 stazione Jolanda di Savoia-Gherardi), Ravenna (216 stazione Cervia-Delta Cervia) e Rimini (188 stazione Marecchia).| Vai alla situazione riassuntiva ozono 

La tendenza per venerdì 28 giugno non dovrebbe evidenziare sensibili variazioni rispetto ai giorni precedenti; per sabato 29, a causa di una infiltrazione di masse di aria fresca da nord-est, che porterà a una diminuzione delle temperature, i valori di ozono dovrebbero subire una lieve flessione rispetto ai giorni precedenti.

Tendenze meteorologiche per i prossimi giorni
Proseguirà anche oggi, venerdì 28 giugno, la situazione di disagio bioclimatico elevato in tutti i capoluoghi di provincia, ad eccezione di Forlì-Cesena, e nelle aree di pianura dei comuni delle province emiliane. 

Le temperature massime - in leggera flessione rispetto a giovedì - avranno valori attorno ai 30°C nei settori costieri e ai 33/36°C nell´entroterra. 

Le previsioni per sabato 29 giugno segnano una diminuzione delle temperature, con valori minimi tra 24/26°C, valori massimi tra 29/30°C sulla costa e 34/35°C nell’entroterra. È prevista la diminuzione del disagio bioclimatico nella gran parte del territorio regionale, ad eccezione delle aree urbane delle province emiliane e dell’area della pianura piacentina, dove si conferma un disagio bioclimatico elevato.

Ozono: cos’è e come prevenire gli effetti sulla salute
L´ozono (O3) è una forma speciale e altamente reattiva di ossigeno ed è composto da tre atomi di ossigeno. Nella stratosfera, uno degli strati più alti dell’atmosfera, l’ozono ci protegge dalle pericolose radiazioni ultraviolette provenienti dal sole. Nello strato più basso dell’atmosfera - la troposfera - l’ozono è, però, un’importante sostanza inquinante che influisce sulla salute pubblica e l’ambiente. 
In caso di superamento della soglia di informazione per l’ozono, per limitare gli effetti sulla salute della popolazione, in particolare i soggetti a rischio (bambini, anziani o persone con problemi respiratori) devono evitare di svolgere attività fisica anche moderata all´aperto nelle ore più calde e di massima insolazione della giornata (usualmente tra le 12 e le 17). 



Versione stampabileVersione stampabile