Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Energia /

Finanziamenti per diversificare l´attività delle aziende agricole

Dal PSR oltre 6,8 milioni di euro per la produzione di energia da fonti rinnovabili

(03/08/19) 

 

Sono oltre 6,8 milioni di euro le risorse messe a disposizione dal Programma regionale di sviluppo rurale per le aziende agricole rientranti, per dimensioni, nella categoria delle piccole e micro imprese. Le risorse sono state stanziate attraverso un bando per la diversificazione attività agricole con impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili, approvato con Delibera di Giunta regionale dell’Emilia-Romagna n.1212 del 15 luglio 2019.

L’obiettivo del finanziamento è favorire la diversificazione delle attività delle imprese agricole attraverso la realizzazione di impianti per la produzione e la vendita di energia da fonti rinnovabili e sostenibili, utilizzando le risorse naturali presenti nelle zone rurali: aree boscate, risorsa idrica, solare, eolica e i sottoprodotti o scarti di produzioni agricole, forestali o agroalimentari, senza però l’attivazione di colture dedicate. Sono ammesse al sostegno le seguenti tipologie di impianti:

  • centrali termiche con caldaie alimentate a biomassa legnosa (cippato o pellets);
  • impianti per produzione di biogas dai quali ricavare energia termica e/o elettrica;
  • impianti per produzione di biometano;
  • impianti per produzione di energia eolica;
  • impianti per produzione di energia solare (sono esclusi gli impianti realizzati a terra);
  • impianti per produzione di energia idrica (piccoli salti);
  • impianti per produzione di pellets e oli combustibili da materiale vegetale;
  • piccole reti per la distribuzione dell´energia e/o impianti intelligenti per lo stoccaggio di energia a servizio delle centrali o dei microimpianti realizzati.

Gli impianti, di potenza pari ad un massimo di 1 Mwe o 3 Mwt, devono essere dimensionati per produrre energia elettrica e/o calorica superiore ai consumi aziendali e conseguentemente almeno parzialmente venduta o ceduta a terzi. Le domande saranno raccolte fino al 29 novembre 2019.



Versione stampabileVersione stampabile