Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae /

Energia verde per la svolta ecologica in Emilia-Romagna

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. A Ecomondo, il via gli incontri per definire i contenuti del Triennale di attuazione 2021-2023.

(06/11/20) 

Un territorio sempre più green, privo di emissioni di carbonio, per un futuro sostenibile. La Regione da il via al confronto sul Piano energetico regionale partendo da Ecomondo Digital Edition, la fiera internazionale di Rimini (quest’anno in versione virtuale) dedicata all’economia circolare e al recupero di materia ed energia.

Con il convegno “Verso il nuovo piano triennale di attuazione 2021-2023 del piano energetico regionale”, l’assessore regionale allo Sviluppo economico e Green economy, Vincenzo Colla, ha ufficialmente aperto i lavori per la definizione del nuovo Piano triennale di attuazione (2021-2023) della Regione Emilia-Romagna.

“Le linee strategiche alla base del Piano energetico triennale- ha annunciato Colla- verranno concertate con associazioni, imprese, esperti dei vari settori, attraverso un percorso di consultazione democratica e partecipata, partendo dall’incontro odierno, e si completeranno entro gennaio 2021”.

Ridurre del 40% le emissioni inquinanti, raggiungere il 27% di fonti rinnovabili e aumentare fino al 47% il livello complessivo di efficienza energetica sono gli obiettivi fissati dalla Regione nel nuovo Piano- ha sottolineato l’assessore-. L’Emilia-Romagna, accettando la sfida del Green Deal europeo, vuole dimostrare che con l’ambiente si può crescere, sviluppando imprese e creando buona occupazione. E parte da Ecomondo la discussione sul piano energetico che dovrà portare, attraverso una fase di transizione pianificata, a un ‘piano regolatore’ regionale per il pieno utilizzo delle diverse fonti rinnovabili e all’implementazione della ricerca green, per garantire un futuro sostenibile per tutti”.

“I giovani nelle piazze di tutto il mondo ci ricordano che ‘non esiste un pianeta B’ ed è nostro dovere impegnarci per difenderlo e preservarlo. Per questo- ha affermato Colla sostituendo nelle conclusioni il presidente della Regione, Stefano Bonaccini- con il nuovo Patto per il lavoro e per il clima ci impegniamo a gestire la transizione verso un nuovo modello di sviluppo ambientalmente e socialmente sostenibile, e a dotarci di una legge regionale per il Clima e una sulle Comunità energetiche”.

Per approfondire: vai alla notizia sul sito della Regione.



Versione stampabileVersione stampabile