Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Rifiuti /

Rifiuti urbani, i dati 2011: la produzione cala, la raccolta differenziata aumenta

Sono ufficiali i dati di produzione e gestione dei rifiuti urbani in Emilia-Romagna relativi al 2011. Una significativa riduzione della produzione pro capite (-3.5%), legata alla contrazione dei consumi delle famiglie e alla diminuzione della produzione artigianale, si accompagna a un aumento della raccolta differenziata (+2,5%).

(08/08/12) 

La produzione di rifiuti urbani

La produzione totale di rifiuti urbani in Emilia-Romagna nel 2011 si attesta a 3.002.771 tonnellate, con una diminuzione del 3,5% rispetto alla produzione pro capite dell’anno precedente e riporta la regione ai valori di produzione pro capite registrati nel 2006.
Il grafico di figura 1 mostra il trend della produzione totale e pro capite di rifiuti urbani a partire dal 2001.
L’inversione di tendenza è legata alla contrazione dei consumi delle famiglie e alla diminuzione della produzione artigianale, che influenza la produzione totale per la parte dei rifiuti assimilati.

Figura 1. Andamento della produzione totale e pro capite di rifiuti urbani a scala regionale (anni 2001-2011)

Produzione rifiuti

Fonte: Elaborazioni Arpa sui dati provenienti dai rendiconti comunali

 

La diminuzione della produzione pro capite si è registrata in tutte le province, con valori che variano tra il massimo di 5,7 a Ferrara ed il minimo di 0,4 a Reggio Emilia.
Il grafico di figura 2 mostra il trend della produzione pro capite di rifiuti urbani a livello provinciale a partire dal 2001.

Figura 2. Andamento provinciale e regionale della produzione pro capite (anni 2001-2011)

Produzione rifiuti per provincia

Fonte: Elaborazioni Arpa sui dati provenienti dai rendiconti comunali

 

La raccolta differenziata

La raccolta differenziata nel 2011 ha raggiunto a scala regionale il 52,9%, con un aumento del 2,5% rispetto al 2010, confermando il trend in continua crescita registrato nell’ultimo decennio.
Il raggiungimento di questa percentuale consente alla regione di superare, per il secondo anno, la quantità dei rifiuti residui raccolti in modo indifferenziato (v. figura 3).

Figura 3. Andamento della produzione di rifiuto differenziato e del rifiuto urbano residuo  (anni 2001-2011) 

Raccolta differenziata 2001-2011

Fonte: Elaborazioni Arpa sui dati provenienti dai rendiconti comunali

 

I dati di raccolta differenziata a scala provinciale sono ancora molto variabili, registrando il valore minimo del 42,3% a Bologna ed il valore massimo del 60% a Reggio Emilia. Tutte le province mostrano incrementi rispetto al 2010, variabili tra l’1,3% di Piacenza e il 6,5% di Rimini.

Figura 4. Andamento provinciale e regionale della raccolta differenziata (anni 2001-2011)

Raccolta differenziata per provincia

Fonte: Elaborazioni Arpa sui dati provenienti dai rendiconti comunali

 

Sono in corso di elaborazione da parte di Arpa tutti i dati relativi al 2011 inseriti nel sistema informativo regionale (Orso).
I dati verranno diffusi nel mese di ottobre con la redazione dell’annuale “Report 2012 - La gestione dei rifiuti in Emilia-Romagna”.



Versione stampabileVersione stampabile