Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Ferrara /

Incendio Mezzano: monitoraggio dell’aria fino al 2 settembre

Restano al di sotto dei limiti di legge o dei valori di riferimento per la salute tutti gli inquinanti rilevati. Incrementi del toluene

(03/09/15) 

Arpa Emilia-Romagna, constatato che nel Mezzano persistono attivi alcuni focolai di torba e a seguito dell´incendio che il 23 agosto ha interessato un´area rinaturalizzata boscata di circa 10 ettari nel comune di Portomaggiore, ha proseguito i controlli alla ricerca di eventuali inquinanti.

Il periodo considerato va dal 23 agosto al 2 settembre e confronta i dati orari rilevati dal Laboratorio mobile (posizionato a San Giuseppe di Comacchio), quelli della centralina di Ostellato - zona in cui recentemente sono stati segnalati odori - con quelli misurati dalla stazione di Corso Isonzo, centralina da traffico nel centro urbano di Ferrara. 

Dall´analisi dei dati rilevati a San Giuseppe di Comacchio si osserva che tutte le concentrazioni orarie di NO2 (biossido d´azoto) non hanno mai superato il valore limite orario di 200 microg/Nm3 (come previsto dal D.lgs 155/2010), restandone molto al di sotto.
Si osserva comunque un lieve incremento nei dati medi giornalieri a partire dai giorni 26/27 agosto, giornate successive all´incendio del boschetto a Portomaggiore, soprattutto nelle ore della notte e del primo mattino, apprezzabili anche negli ultimi giorni di agosto e nei primi due giorni di settembre. 

Analogo comportamento è stato rilevato in merito alla concentrazione del toluene, con incrementi apprezzabili nelle ore notturne e del primo mattino. Tali valori (media di 3.5 microg/Nm3 nella settimana dal 27/8 al 2/9), sono comunque circa un centesimo dei ´valori guida OMS´, pari a 260 microg/Nm3 come media settimanale.

In merito alla concentrazione del benzene, non si sono osservate particolarità nelle medie giornaliere anche se si sono rilevati sporadici innalzamenti nelle giornate del 30 agosto e nel primo mattino del 1 e 2 settembre. I singoli valori orari sono stati inferiori a 5 microg/Nm3, che rappresenta il valore limite su base annua, definito dal D.Lgs 155/2010. 

Per quanto riguarda gli inquinanti monossido di carbonio (CO) e anidride solforosa (SO2), i valori rilevati dal Laboratorio mobile, sono sempre stati molto bassi; per il CO si è registrato un solo valore pari al limite minimo di quantificazione strumentale (0.6 mg/Nm3), e così anche per l´SO2 che ha registrato un solo valore (15 microg/Nm3 il 30/8) di poco superiore al limite minimo di quantificazione strumentale (14 microg/Nm3). 

Riguardo ai valori di polveri PM2.5 rilevati a Ostellato nello stesso periodo, si osserva dai grafici che i dati sono confrontabili con quelli della centralina di Gherardi, fondo rurale, e le singole concentrazioni giornaliere sono state inferiori a 25 microg/Nm3, che rappresenta il valore limite su base annua definito dal D.Lgs 155/2010.

 

Elaborazione dati della Qualità dell´aria del Laboratorio Mobile sito in prossimità della scuola di San Giuseppe, in località San Giuseppe, Comacchio

 

Notizie correlate

Incendio Mezzano: dati del monitoraggio dell’aria dal 6 al 9 agosto (10/08/2015)

Fumo nel Mezzano (FE), il monitoraggio di Arpa sull’aria (06/08/2015)

Odori molesti nel Mezzano ferrarese: gli interventi decisi oggi (05/08/2015)

Esalazioni fumose nel ferrarese, il monitoraggio di Arpa (04/08/2015)

 

 



Versione stampabileVersione stampabile