Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae /

Ultimo bollettino di monitoraggio idro-meteorologico

Le piene che hanno interessato i fiumi Parma, Enza, Secchia e Panaro sono in esaurimento nei tratti vallivi. Emesso l´ultimo bollettino alle 9 del 12 gennaio.

(11/01/16) 

Il Centro Funzionale del Servizio IdroMeteoClima termina il monitoraggio idro-meteorologico sui fiumi. Emesso l´ultimo bollettino di monitoraggio alle ore 9 del 12 gennaio.

Le piene che hanno interessato i fiumi Parma, Enza, Secchia e Panaro sono in esaurimento nei tratti vallivi. I livelli idrometrici rientreranno al di sotto di tutte le soglie nella giornata di oggi, 12 gennaio, grazie al miglioramento delle condizioni meteorologiche.

 

Ultimo bollettino di monitoraggio emesso dal Centro funzionale di Arpae Emilia-Romagna

Bollettino di monitoraggio degli eventi in corso - ore 9.00 del 12 gennaio 2016

Bollettini di monitoraggio precedenti

Bollettino di monitoraggio degli eventi in corso - ore 0.30 del 12 gennaio 2016

Bollettino di monitoraggio degli eventi in corso - ore 20.00 dell´11 gennaio 2016

Bollettino di monitoraggio degli eventi in corso - ore 16.30 dell´11 gennaio 2016

Bollettino di monitoraggio degli eventi in corso - ore 14.30 dell´11 gennaio 2016



La criticità idrologico-idraulica mostrata nei bollettini allegati è classificata in tre fasce:
- ordinaria, condizioni di rischio che possono dar luogo solo a danni localizzati e disagi locali
- moderata, possibilità di danni di media gravità su ambiti territoriali ristretti
- elevata, possibilità che si verifichino danni più estesi, a scala provinciale o addirittura maggiore.

Informazioni più dettagliate sono disponibili nel Manuale di Protezione civile Il sistema regionale di allertamento per il rischio idrogeologico-idraulico”

 

Si consiglia di consultare quotidianamente l´Avviso di criticità idrogeologica e di seguire gli aggiornamenti sulle previsioni e sul monitoraggio idro-meteorologico.

Per le informazioni sulle allerte in corso si consiglia di consultare il sito della Protezione Civile Regionale.

 



Versione stampabileVersione stampabile