Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae /

Etica e collegato ambientale, verso la cittadinanza ecologica

Quali principi di etica ambientale hanno trovato una pratica traduzione nel collegato ambientale (legge 221/2015)? Il servizio in Ecoscienza 3/2016.

(11/07/16) 

ETICA E COLLEGATO AMBIENTALE, VERSO UNA CITTADINANZA ECOLOGICA

I materiali raccolti in questo servizio pubblicato in Ecoscienza 3/2016 riprendono sinteticamente i contributi proposti al seminario Il Collegato ambientale: un confronto tra etica e politica, promosso dalla Rete nazionale dei Centri per l’etica ambientale (CepEA), l’Intergruppo parlamentare di Camera e Senato sui cambiamenti climatici Globe Italia e il Coordinamento Agende 21 locali italiane, con la partecipazione come media partner di Ecoscienza (Milano, 16 aprile 2016). L’incontro si inserisce in un percorso di collaborazione tra esponenti dei centri di etica ambientale, parlamentari e amministratori locali per approfondire il rapporto tra elaborazione normativa e riflessione in etica ambientale.

Quali fondamenti etici e quale idea di ambiente e di sostenibilità emergono dalla legge? Quali principi generali di etica ambientale (responsabilità, precauzione, prevenzione, partecipazione ecc.) hanno trovato una traduzione pratica nelle norme? Quanto le buone pratiche sostenibili realizzate a livello locale sono state recepite dalla normativa nazionale? Nel Collegato ambientale vi è lo sforzo di raccogliere queste istanze, ricercando un equilibrio tra principi generali, richieste politiche, esigenze economiche, soluzioni concrete nella direzione di modificare le modalità di produzione e di consumo, così come le forme dell’organizzazione sociale per renderle sostenibili.

Per attuare questo importante provvedimento legislativo è ora necessario approvare velocemente i numerosi regolamenti attuativi, assegnare risorse economiche certe e adeguate, ma anche attivare una forte azione culturale. È necessario promuovere efficaci e capillari percorsi di informazione e formazione per rendere consapevoli amministratori, imprenditori, funzionari, educatori, cittadini che l’adozione di comportamenti e pratiche di riduzione dell’impatto sulla natura e sulle sue risorse è possibile e ha ricadute fortemente positive sui bilanci delle istituzioni, delle imprese, delle famiglie e, più in generale, sulla qualità della vita delle persone e delle comunità.
È anche in questa prospettiva, volta a far crescere una nuova cultura della sostenibilità, che si intende consolidare la collaborazione tra rete CepEA, Globe Italia, Coordinamento Agende21 locali, Ecoscienza.

Servizio a cura di Matteo Mascia
Fondazione Lanza

Scarica il servizio Etica e collegato ambientale (pdf)

I contributi pubblicati

Il Collegato ambientale, una lettura etica, Matteo Mascia

Una legge che rispetta etica ed economia, Gianpiero Dalla Zuanna e Stefano Vaccari. Senatori, Gruppo Pd Commissione Ambiente

Circolarità tra ecologia, economia ed etica, Antonella Bachiorri, Centro italiano di ricerca ed educazione ambientale Dipartimento di Bioscienze, Università di Parma Centro Etica ambientale Parma

“Chi inquina paga” tra sanzioni e incentivi, Chiara Tintori, politologa della redazione di “Aggiornamenti sociali”, curatrice del blog “Pianeta Smart” sul sito www.aggiornamentisociali.it

Recepire le buone pratiche locali a livello nazionale, Maurizio Tira, presidente Coordinamento Agende 21 locali italiane

Il parere del sindaco di un piccolo paese di montagna, Paolo Erba, sindaco di Malegno (Brescia) Membro del direttivo associazione Comuni virtuosi

 

Vai a Ecoscienza online


/DR



Versione stampabileVersione stampabile