Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae /

Mobilitą ciclabile, nuova legge della Regione Emilia-Romagna

Fra gli obiettivi, raddoppio degli spostamenti in bici e a piedi, meno vittime su strada, nuove infrastrutture.

(01/06/17) 

biciclettaL’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna ha approvato all’unanimità il progetto di legge sulla ciclabilità presentato dalla Giunta regionale, un percorso partito oltre due anni fa con il protocollo firmato con tutte le associazioni ciclistiche e ambientaliste (dalla Fiab al Wwf, a Legambiente e UISP) con i quali nei mesi successivi si è collaborato per la redazione di legge.

Tante le innovazioni previste dalla nuova norma: la creazione della rete delle ciclovie regionali, un piano economico e di manutenzione per le piste ciclabili, misure per il contrasto ai furti e la creazione di nuove velostazioni che permettano una reale e conveniente intermodalitá con il trasporto pubblico. Previsto anche un finanziamento complessivo di 25 milioni di euro destinati alla mobilità ciclistica entro la fine della legislatura.

Tra gli gli obiettivi della legge: raddoppio della percentuale di spostamenti in bici e a piedi sul territorio; dimezzamento entro il 2020 delle vittime su strada, come indicato dall’Unione europea; nuovi collegamenti tra le piste esistenti, una maggiore integrazione treno-bici e più servizi per i ciclisti, dalla riparazione alla vigilanza. E per ogni nuova strada realizzata, una nuova pista ciclabile, anche non adiacente (come invece prevedeva la vecchia normativa). Il nuovo testo prevede, inoltre, che gli enti e i soggetti inadempienti sulle misure per la ciclabilità non potranno beneficiare di contributi regionali.

Fonte: Regione Emilia-Romagna



Versione stampabileVersione stampabile