Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Energia /

L’eolico soddisfa il fabbisogno elettrico di 160 milioni di famiglie europee e crescerà ancora.

(10/01/18) 

 

La produzione eolica il 4 gennaio ha raggiunto  quasi il 23% della domanda di energia elettrica, secondo le stime di WindEurope. L´Italia è il quinto paese europeo per produzione eolica, dietro a Germania, Spagna, Francia e Regno Unito. 

L´energia dal vento quindi prosegue la sua crescita, anche in virtù del suo enorme potenziale, che viene utilizzato sempre più grazie allo sviluppo di nuove tecnologie. In particolare l’eolico offshore ha un importanza prioritaria per la stabilità della fonte ed il migliore consenso sociale che gli impianti energetici in mare riescono a riscuotere rispetto a quelli terrestri. Gli impianti eolici marini più potenti sono installati nel Mare del Nord, in condizioni di vento stabile e con fondazioni fisse in acque poco profonde. La ricerca del settore punta però alla realizzazione di impianti innovativi in zone di mare con fondali più profondi, con l’uso di piattaforme galleggianti, analoghe a quelle già sfruttate nel settore dell’oil&gas. Ciò permetterà di produrre energia eolica in tratti di mare non ancora poco utilizzati, come il Mediterraneo. 

L’Unione Europea identifica nell’eolico offshore e nel fotovoltaico le tecnologie più mature; in questo contesto sta sviluppando un nuovo piano strategico denominato “EU Number One in Renewable Energy” con lo scopo di rafforzare la leadership europea nel settore delle rinnovabili. Per l’eolico offshore l’Unione preme per una crescita delle installazioni galleggianti eoliche anche nel Mar Mediterraneo. L’Italia in particolare ha grandi potenzialità per uno sviluppo ecosostenibile dell’eolico offshore su piattaforma galleggiante.



Versione stampabileVersione stampabile