Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Energia /

Eurostat fotografa i consumi energetici europei al 2016

In Europa il consumo energetico si mantiene ancora al di sopra dei target sull’efficienza energetica

(06/02/18) 

In una nota, Eurostat descrive le prestazioni europee rispetto al raggiungimento degli obiettivi di efficienza energetica al 2020.

L´Unione europea si è impegnata con una serie di misure su tutti i principali settori a ridurre il consumo energetico del 20% entro il 2020 rispetto alle proiezioni ottenute con il modello Primes.

In termini quantitativi l´UE dovrà conseguire, nel 2020, un consumo di energia primaria non superiore a 1483 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio (Mtep) e un consumo finale di energia non superiore a 1086 Mtep.

 

Nel 2016, il consumo di energia primaria nell´UE era superiore all´obiettivo di efficienza del 4%. Rispetto al 1990, il primo anno per il quale i dati sono disponibili, il consumo è diminuito dell´1,7%. Nel corso degli anni, i valori di consumo di energia primaria hanno subito forti oscillazioni. La maggiore divergenza rispetto all´obiettivo si è registrata nel 2006 (16,2%, con un consumo pari a 1723 Mtep). A partire da tale data, sembra essersi verificato un cambio di paradigma nei consumi, che ha portato con varie fluttuazioni a ad un minimo storico nel 2014 (pari a 1509 Mtep, superiore al valore obiettivo di solo 1,7 punti percentuali). Negli ultimi due anni il divario è aumentato di nuovo, al 4% sopra l´obiettivo del 2020, pari a un consumo di 1543 Mtep nel 2016.

Nel 2016, il consumo finale di energia nell´UE è stato di 1108 Mtep, superiore del 2% all´obiettivo di efficienza. E’ aumentato del 2,1% tra il 1990 (1085 Mtep) e il 2016 (1108 Mtep). Il livello più basso del consumo finale di energia è stato registrato nel 2014 (1063 Mtep, 2,1% al di sotto dell´obiettivo) e il più alto nel 2006 (1194 Mtep, 10% sopra l´obiettivo). Nel 2015 l´UE ha raggiunto l´obiettivo di efficienza di 1086 Mtep, tuttavia nel 2016 i consumi sono aumentati di nuovo, superando del  2% l´obiettivo al 2020.



Versione stampabileVersione stampabile