Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae /

Mercoledì 1 agosto Earth Overshoot Day 2018

L´umanità è a debito ecologico: consuma ogni anno il doppio delle risorse che la Terra è in grado di rigenerare

(30/07/18) 

Earth Overshoot Day 2018 è il giorno in cui l´umanità avrà esaurito le risorse terrestri disponibili per quest’anno, dopo di cui i nostri consumi saranno a debito: fino al 31 dicembre verranno utilizzati più risorse e servizi ecologici di quanti la Terra sia capace di rigenerare in un anno.

Il 2 agosto 2018 segna quindi l’inizio del sovra sfruttamento della Terra attraverso: i consumi di cibo o di materiali delle popolazioni (agricoltura, pesca, disboscamento di foreste, ecc.), il consumo di suolo delle città e, soprattutto, il consumo energetico con l´emissione di anidride carbonica nell´atmosfera, più di quanto gli ecosistemi del nostro Pianeta possano sopportare. Il 2 agosto è purtroppo la data più anticipata da quando è iniziata la misurazione dell’overshoot ecologico, nei primi anni ’70.

Questa contabilità ammbientale è tenuta dall’organizzazione internazionale di ricerca Global Footprint Network (https://www.footprintnetwork.org), che ha aperto la strada alla contabilità delle risorse naturali legate all’impronta ecologica; con l’impronta ecologica si misurano le richieste di risorse naturali, determinate dai consumi dei sistemi antropici (cibo, legname, infrastrutture, energia, ecc.), per metterle a confronto con le disponibilità reali degli ecosistemi presenti sulla Terra.

Earth Overshoot Day segna la data in cui la richiesta annuale di umanità sulla natura supera quella che gli ecosistemi terrestri possono rigenerare in quell´anno. Siamo passati dalla fine di settembre del 1997 al 1° agosto di quest´anno.

I costi di questo eccesso ecologico globale stanno diventando sempre più evidenti in tutto il mondo, sotto forma di: deforestazione, scarsità di acqua dolce, erosione del suolo, perdita di biodiversità e accumulo di anidride carbonica nell´atmosfera, portando a cambiamenti climatici e maggiori siccità, incendi boschivi, tempeste.



Versione stampabileVersione stampabile