Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Ravenna /

Relazione:disagio olfattivo Marina di Ravenna, Porto Corsini

E´ in linea la relazione del Progetto di monitoraggio del disturbo causato dagli odori sgradevoli percepiti a Marina di Ravenna e a Porto Corsini

(11/09/18) 

Il "Progetto Immissioni odorigene", indagine nell’area costiera ravennate a Porto Corsini e Marina di Ravenna.
 
Premessa 
 
Nel periodo dalla fine del 2015 all´inizio del 2016, diversi residenti nella zona del litorale ravennate - in particolare di Marina di Ravenna - hanno presentato ad Arpae segnalazioni dovute a una situazione di disagio causata alla presenza di odori sgradevoli, manifestando preoccupazione per la salute e per il turismo.
 
Nelle risposte alle segnalazioni, Arpae ribadiva, tra l´altro, la mancanza di una specifica normativa nazionale sulle emissioni e le immissioni di odori nell´ambiente, normativa che consentirebbe di regolamentare in maniera puntuale le emissioni per le loro caratteristiche odorigene così come viene fatto per le loro caratteristiche chimiche.
 
Il progetto

Nell´ottica di favorire la sostenibilità ambientale delle attività umane che influiscono sul territorio, sia attraverso i controlli previsti dalle normative sia attraverso progetti e attività di monitoraggio, nel corso di un´assemblea pubblica organizzata dal Consiglio Territoriale del Mare, Arpae Ravenna presentò una proposta, concordata con l’Amministrazione comunale, per effettuare un monitoraggio delle “immissioni odorigene” nell´area di Marina di Ravenna e di Porto Corsini.
La proposta consisteva nella realizzazione di una tipologia di monitoraggio in cui si utilizza l´olfatto come strumento, coinvolgendo la popolazione residente, ossia la più idonea a rilevare in tempo reale l’evento odorigeno.
Non si trattava solo di verificare la presenza dei cattivi odori - problematica già nota ai residenti - ma di rilevare in modo sistematico gli episodi che provocano disturbo olfattivo.
 
Lo scopo del progetto era quello di effettuare un monitoraggio sistematico degli eventi odorigeni per valutare un profilo globale di molestia, con l´obiettivo di documentare in forma organizzata le segnalazioni e valutare la possibilità - attraverso l´incrocio con i dati meteorologici - di risalire alle fonti prevalenti (in termini di intensità e frequenza), cosa non semplice tenuto conto che le località si trovano in prossimità di un´area industriale-portuale composita e vicino agli specchi d´acqua delle pialasse.
 
Il progetto è stato realizzato dal personale del Servizio Sistemi Ambientali Arpae Ravenna, nel periodo da maggio 2016 a ottobre 2017 nell’area di Marina di Ravenna e Porto Corsini (RA). L’indagine ha coinvolto un certo numero di “sentinelle dell´odore”: volontari che hanno rilevato gli episodi di disturbo olfattivo registrandoli in un´apposita scheda.
La metodologia usata fa riferimento alle Linee Guida APAT1 e al documento SNPA2 in via di emanazione. 

 






Versione stampabileVersione stampabile