Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Idro-Meteo-Clima /

Sabbia dal Sahara

Venti da sud stanno portando sabbia dall´Africa settentrionale. Gli effetti sulla qualità dell´aria.

(16/04/18) 

A partire da venerdì 13 aprile 2018, il Mediterraneo centrale è interessato da un esteso trasporto di sabbia dal deserto del Sahara, che ha raggiunto anche le Alpi e i Balcani. Il fenomeno è stato determinato dal persistere di venti da sud in quota, e accentuato dalla presenza di una depressione sull’Algeria.

Come nella maggior parte degli eventi di questo tipo, le ricadute al suolo hanno avuto un andamento irregolare, a causa della diversa direzione del vento alle varie quote e al rapido spostamento della depressione.

Sull’Italia meridionale, già da giovedì 12 sono stati osservati valori di PM10 fino a 50-70 ug/m3, mentre in Emilia Romagna gli effetti sulla qualità dell’aria sono stati limitati. A partire da venerdì 13, si sono avute precipitazioni associate al deposito di sabbia; dal pomeriggio di sabato le concentrazioni di PM10 sono aumentate un po’ in tutta la Regione, mantenendosi comunque al di sotto dei limiti; sulla vetta del monte Cimone si registrano valori di polveri relativamente elevati dal pomeriggio di domenica 15.

Il culmine dell’evento è stato tra il pomeriggio di domenica 15 aprile e la mattina di lunedì, mentre dal pomeriggio di oggi (lunedì 16) si prevede una progressiva attenuazione.

Nell’immagine da satellite di domenica 15, si vede chiaramente la presenza di sabbia sul Tirreno e a sud della Sicilia (di colore marroncino, molto diverso dal blu normale del mare, visibile a sud dalla Costa Azzurra; su gran parte dell’Italia sono presenti nubi).





Versione stampabileVersione stampabile