Organizzazione di un sistema di sorveglianza ambientale e valutazione epidemiologica nelle aree circostanti gli impianti di incenerimento in Emilia-Romagna

Inceneritori nella provincia di Bologna


L´inceneritore della Provincia di Bologna si trova in Via del Frullo 5 (Comune di Granarolo dell´Emilia) in una zona agricola con bassa densità abitativa.

Nel 1971 iniziano i lavori di costruzione di un inceneritore con tre linee di smaltimento della potenzialità di 200 tonnellate al giorno di rifiuti ciascuna. Le prime due linee erano entrate in funzione per la prima volta nel 1973 e la terza l´anno successivo.

In seguito al decreto Ronchi (decreto legislativo 22/1997) nel 2001 sono iniziati i lavori per l´adeguamento dell´impianto che è passato da tre a due linee di termocombustione.


La nuova struttura è costituita da 2 linee di termocombustione parallele e indipendenti, che trattano ognuna 300 tonnellate al giorno di rifiuti (220.000 t/anno, di cui max 3.500 di rifiuti sanitari), con recupero energetico attuato attraverso un impianto di cogenerazione.


L´inceneritore è ora gestito da FEA (Frullo Energia Ambiente srl) che si è anche occupata della gestione del vecchio impianto (definitivamente chiuso) e dei lavori di ristrutturazione del nuovo inceneritore eseguiti dal 2001 al 2004. Dalla fine del 2005 FEA, essendo subentrata al costruttore, opera direttamente sull´impianto che smaltisce principalmente i rifiuti solidi urbani (RSU) ed in minor misura i rifiuti speciali non pericolosi ed i rifiuti sanitari della città di Bologna e dei Comuni limitrofi, oltre a produrre energia elettrica. L´ impianto recupera anche l´energia termica prodotta dai rifiuti.

Il sito ufficiale dell´impianto


Torna all´elenco delle province




Versione stampabile Versione stampabile