Concessioni demaniali

I Sac adottano i provvedimenti concessioni per l´utilizzo delle risorse idriche e relativo demanio idrico. I principali ambiti del demanio sono le acque e le aree pubbliche.

Le nuove pratiche sono gestite a livello territoriale dai Sac provinciali. Le informazioni specifiche su procedure, stato delle pratiche già avviate e pagamenti possono essere richieste al Progetto demanio idrico di Arpae o ai singoli Sac per le pratiche di competenza.

Per quanto riguarda l’utilizzo di ACQUE PUBBLICHE, in funzione dell’uso attuato e delle modalità con cui ne viene consentito l’utilizzo, si individuano due categorie di utenze di acque pubbliche:

  • Prelievi ad uso domestico soggette solo a comunicazione: l´estrazione e utilizzazione da parte del proprietario del fondo di acque sotterranee (pozzi e sorgenti), destinate all´uso domestico (igienico e potabile, innaffiamento di orti e giardini, abbeveraggio del bestiame, purché tali usi siano destinati al fabbisogno del proprio nucleo familiare e non configurino un´attività economico-produttiva). 
  • Prelievi soggetti a concessione: chiunque - persone fisiche, in forma singola o associata, e persone giuridiche di diritto pubblico o privato - abbia necessità di utilizzare acqua pubblica ad uso non domestico, acque superficiali (fiumi) e sotterranee (pozzi e sorgenti), deve presentare una domanda di concessione. Lo stesso deve fare chi utilizza acque superficiali ad uso domestico.

Per quanto riguarda l’utilizzazione di AREE DEL DEMANIO IDRICO si intende l'occupazione in qualsiasi forma e modo degli alvei di corsi d’acqua naturali e relative pertinenze, classificati catastalmente come appartenenti al demanio idraulico dello Stato.

ultima modifica 2021-01-07T10:01:53+01:00