Acquisti sociali, rinnovata la Guida della Commissione europea

Il documento vuole sensibilizzare sui benefici degli appalti pubblici socialmente responsabili e fornire buone pratiche
(6/7/2021)

La Comunicazione della Commissione europea sugli "Acquisti sociali - Una guida alla considerazione degli aspetti sociali negli appalti pubblici (seconda edizione)"  [C(2021) 3573] è stata pubblicata sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea  del 18 giugno 2021 ed è destinata principalmente agli  acquirenti pubblici, ma con la speranza che possa ispirare altri soggetti coinvolti negli appalti: fornitori di beni o prestatori di servizi, acquirenti privati, attori dell'economia sociale comprese le imprese sociali oppure le Ong.

La guida illustra nel dettaglio in che modo sia possibile introdurre aspetti sociali lungo tutto il processo di acquisto, evidenzia i diversi benefici per la società, richiama l’integrazione con gli acquisti verdi e fornisce numerosi esempi tratti da buone pratiche messe in atto da pubbliche amministrazioni in tutta l'Ue.

Il documento, che non è vincolante, rinnova la precedente guida del 2010, anche in risposta all’evoluzione della normativa e alla pratica degli appalti.

ultima modifica 2021-07-12T14:44:00+02:00