Colorazione arancione nelle acque marino costiere a Cesenatico

Fenomeno causato da fioritura microalgale Noctiluca scintillans appartenente al gruppo delle Dinoflagellate
(18/2/2019)

Nella giornata di ieri, domenica 17 febbraio 2019, sono giunte ad Arpae alcune segnalazioni di persone che passeggiando sulla battigia di levante (scogliere antistanti il Ristorante Gambero rosso) hanno notato una colorazione anomala dell’acqua. Le immagini sono state pubblicate anche sui canali social network. In questo punto, le acque prospicienti la battigia presentavano una intensa colorazione arancione come è osservabile dalla foto sotto riportata (Fig.1).

Foto1 acqua cesenatico.jpgFig.1, foto di Martina Belli
E’ una fioritura microalgale di Noctiluca scintillans. Non si tratta di un fenomeno nuovo né in Adriatico né in Emilia-Romagna, infatti diverse sono le segnalazioni negli anni addietro. Tali microalghe appartengono al gruppo delle Dinoflagellate, questa microalga eterotrofa (deve nutrirsi di materiali organici prodotti da altri organismi) di dimensioni vicine ad 1 mm, in fioritura forma delle chiazze più o meno estese di colore arancione che, sia in fase di degradazione che in fase di crescita, assumono una conformazione simile a quella degli stadi iniziali della mucillagine (Fig.2).

foto2 acqua cesenatico.jpgFig.2, foto Archivio Arpae SOD, fine fioritura Noctiluca scintillans.

Nella foto sotto riportata (Fig.3) nel riquadro è illustrata una foto effettuata al microscopio ottico. L’azione del vento e delle correnti marine contribuiscono a modificare sulla superficie marina la forma e l’estensione delle macchie. La colorazione può assumere intensità di colore più forte quando la fioritura si concentra in zone protette con bassa profondità come ad esempio a ridosso di barriere frangiflutto costiere. Questo organismo è in grado di produrre luminescenza al pari di altri organismi marini e terrestri: il fenomeno della bioluminescenza è logicamente meglio osservabile durante le ore notturne. La sua fioritura, anche massiva, non determina conseguenze dal punto di vista igienico-sanitario e della balneabilità delle acque, inoltre non è una microalga produttrice di tossine. In data odierna il fenomeno non è riapparso.

foto3 acqua cesenatico.jpg
Fig.3, foto Archivio Arpae SOD.
Immagine di Noctiluca scintillans in mare, nel riquadro foto al microscopio ottico.


ultima modifica 2021-11-21T21:04:24+01:00