Tariffario AIA

Le tariffe per le istruttorie e i controlli delle installazioni sottoposte ad AIA sono poste a carico del gestore, ai sensi dell’art. 33, comma 3bis del D.Lgs 152/2006, e sono stabilite con apposito Decreto del Ministero dell’Ambiente in relazione alla complessità delle attività svolte dall’Autorità competente e dall’ente responsabile degli accertamenti, sulla base delle categorie di attività condotte nell’installazione, del numero e della tipologia delle emissioni e delle componenti ambientali interessate, nonché della eventuale presenza di sistemi di gestione ambientale registrati o certificati.Il “Decreto tariffe” DM 58 del 2017 prevede l’adeguamento regionale delle tariffe. Sino alla emanazione di tale provvedimento, continuano ad applicarsi le tariffe già vigenti nella regione o provincia autonoma, che in Regione Emilia-Romagna fanno riferimento alle seguenti delibere; n.1913 del 17 novembre 2008 , n.155 del 16 febbraio 2009 e n.812 del 8 giugno 2009 di integrazione della precedente.

Vai al tariffario nazionale AIA

Corresponsione tariffa istruttoria
Per le autorizzazioni AIA il pagamento da parte dei gestori avviene in via anticipata e in autoliquidazione.
In applicazione delle disposizioni introdotte dal Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD, D.lgs. 82/2005 e ss.mm.ii) a partire dal 28 febbraio 2021, i pagamenti delle tariffe istruttorie dovranno avvenire tramite avviso di pagamento connesso con il sistema PagoPa, secondo una delle due modalità di seguito descritte.

a) Richiesta Bollettino PagoPA
Il gestore richiede ad Arpae SAC il codice per il pagamento tramite PagoPa.
A tal fine potrà utilizzare l’apposito modello richiesta bollettino PagoPA, in alternativa potrà inviare ad Arpae Sac una richiesta in carta libera contenente:

  • le generalità del Gestore dell’installazione
  • la ragione sociale dell’installazione
  • la sede legale e l’eventuale sede operativa
  • il codice fiscale/P.IVA
  • la motivazione (Nuova Autorizzazione/Riesame/Rinnovo/Modifica Sostanziale/Modifica Non Sostanziale)
  • l’importo
  • il referente tecnico da contattare per eventuali chiarimenti indicando recapito PEC/ mail e telefono
  • nell’oggetto segnalare che trattasi di installazione AIA.

Il Servizio Autorizzazioni e Concessioni competente di Arpae, ricevuta la richiesta, genererà il bollettino e lo invierà tramite PEC al proponente stesso, che potrà procedere con il pagamento.
Il gestore allega l’attestazione di pagamento all’istanza.

b) PayER – PagoPA
In alternativa è possibile pagare anche on-line tramite il servizio offerto da Lepida Spa PayER - PagoPA
Nella causale vanno indicati i seguenti dati: 

  • Autorizzazione AIA - SAC di (in caso di richiesta autorizzazione)
  • Provincia di pertinenza
  • Ragione sociale, P.IVA, indirizzo, ubicazione impianto.

Corresponsione tariffa ispettiva
Per le ispezioni programmate il gestore paga la tariffa in via anticipata e in autoliquidazione entro il 30 gennaio dell’anno solare in cui verrà effettuata l’ispezione programmata, secondo la comunicazione di Arpae.
Il pagamento viene effettuato con le modalità indicate nel portale AIA della Regione Emilia-Romagna
È possibile pagare anche on-line tramite il servizio offerto da Lepida Spa raggiungibile al seguente link: PayER - PagoPA.
Nella causale vanno indicati i seguenti dati: 

  • numero di autorizzazione AIA rilasciata;
  • sede impianto;
  • Ragione sociale, P.IVA, indirizzo, ubicazione impianto

Richieste di assistenza su PayER - PagoPA
Accedendo al sistema PayER-PagoPA si abbandona il sito Arpae, eventuali richieste di assistenza per problemi nell'operazione di pagamento vanno inoltrate tramite il link Contatti presente sulla piattaforma PayER di Lepida Spa.

ultima modifica 2021-11-21T22:00:01+01:00
Approfondimenti