Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Campi elettromagnetici / Argomenti / Cem ad alta frequenza /

Cem ad alta frequenza: sistemi Wi-Fi

Il sistema Wi-Fi, noto anche come standard IEEE 802.11b (1), è un sistema di comunicazione Wireless (senza fili) a larga banda dedicata per la trasmissione radio di segnali voce e dati e l´accesso veloce ad Internet. In una prima fase, tale tecnologia è stata applicata in ambiti limitati di utilizzo, ad es. all´interno di stabilimenti industriali, aeroporti, stazioni ferroviarie, centri commerciali ed alberghieri, spazi adibiti a fiere ed altri punti di ritrovo pubblici; attualmente le soluzioni basate sul wi-fi si stanno diffondendo anche alle aree in ambiente esterno (ad es. porzioni di centri abitati).
Si tratta in sostanza di una modalità di interconnessione vai radio che permette di collegare tra loro diversi dispositivi quali computer, stampanti, palmari e smartphone, all´interno di aziende, uffici e abitazioni, senza la necessità di realizzare reti fisicamente cablate.
Il 4 ottobre 2005 è stato emanato dal Ministro delle Comunicazioni un apposito Decreto che estende la regolamentazione del Wi-Fi a tutto il territorio nazionale.
Le comunicazioni Wi-Fi sono basate sullo standard W-LAN (Wireless LAN (2)) e la tecnologia di interfaccia radio che prevede due entità fondamentali: il Radio Adapter (PC Card) W-LAN (lato utente), dispositivo che permette ai terminali utente di collegarsi ad una LAN cablata via radio e l´Access Point (AP) W-LAN, che fornisce la copertura radio locale collegando alla LAN i dispositivi dei terminali utenti.
Il sistema Wi-FI opera nella banda di frequenza compresa tra 2400 e 2483.5 MHz. Esiste anche un altro standard (IEEE 802.11a) che opera in due banda distinte a 5 GHz (5.150?5.350 GHz e 5.725?5825 GHz), si parla in questo caso di sistema Wi-Fi5.
I canali utilizzabili dal Wi-Fi in totale sono 13, ma soltanto 3 possono essere occupati nello stesso luogo fisico per problemi di interferenza, in quanto la larghezza di banda dei segnali Wi-Fi di 22 MHz deve fare i conti con il passo di canalizzazione che è di 5 MHz. Le velocità di trasferimento dati sono fino a 11 Mbit/s. Il più recente standard 802.11g certificato dal IEEE consente una velocità di trasferimento dati che può raggiungere i 54 Mbit/s sulla frequenza dei 2.5 GHz.
I dispositivi possono essere spostati per distanze di circa 50/100 metri dall´Access point che permette l´accesso alla rete, senza perdere la connessione.
I sistemi Wi-Fi operano con potenze in ingresso estremamente ridotte (in genere inferiori al decimo di Watt) ed impiegano antenne di piccole dimensioni (al massimo di qualche decina di cm), omnidirezionali o direzionali a pannello, in genere installate in ambiente interno (indoor) e con guadagno medio tra 7 e 9 dBi.
L´impatto elettromagnetico e visivo di questa tipologia di apparati è pertanto assai limitato.

(1) Lo standard IEEE (Istitute of Electrical and Electronics Engineers) n. 802 in generale si riferisce ai sistemi di accesso punto-multipunto Wireless a banda larga.

(2) Le reti WLAN, acronimo di Wireless Local Area Network sono reti di comunicazione dati via radio, su frequenze non soggette a licenza, alternative o complementari alle normali reti LAN cablate. Il raggio di copertura è dell´ordine delle centinaia di metri.