Ti trovi in : Arpae /

copertina ecoscienza

Ecoscienza 3/2010

In questo numero:

Perdita della biodiversità tra antropocentrismo e centralità dell´ecosistema
La perdita di biodiversità registrata negli ultimi decenni è costante e riguarda sia i vegetali, sia le razze animali. In meno di un secolo si stima che a livello mondiale sia scomparso il 75% delle varietà vegetali coltivate. Rimediare a questa perdita richiede riflessioni e azioni capaci di modificare il modo di considerare il mondo intorno a noi, di recuperare e tutelare il valore del paesaggio, delle colture e comportamenti invertendo la tendenza in atto. A conclusione dell´Anno internazionale della biodiversità Ecoscienza dedica un ampio servizio a questo tema affrontando i diversi aspetti etici, culturali e scientifici, con un focus sulla situazione in Emilia-Romagna.

Dall´industria pesante all´industria pensante, l´impronta ambientale del produrre
L´industrializzazione e l´inurbamento spinto registrati nel nostro Paese durante la fase del "miracolo economico" hanno generato trasformazioni che ancora oggi manifestano i loro effetti. Ai nomi che evocano eventi tristemente noti, per gli effetti sui residenti e sui lavoratori (Acna di Cengio, Porto Marghera, Ilva di Taranto), si somma una criticità più generale che riguarda l´uso del territorio, la contaminazione dell´aria e delle acque, lo smaltimento dei rifiuti; non è un caso se i grandi "poli industriali" del dopoguerra corrispondono sostanzialmente, dopo 50 anni, a 57 aree nazionali di bonifica.
Non mancano, anche in Emilia-Romagna, esempi virtuosi di bonifica e recupero. Focus sulla normativa e sugli aspetti civilistici della bonifica.

Tra gli altri argomenti di attualità:
- cambiamento climatico: il percorso di revisione delle procedure scientifiche dell´Ipcc, il Comitato intergovernativo sul cambiamento climatico
- un ricordo di Hermann Scheer, politico tedesco tra i primi a promuovere la svolta verso le fonti rinnovabili di energia e fondatore di Eurosolar, scomparso il 14 ottobre
- dall´agriturismo all´ecoturismo: trasformare la proposta turistica in aree protette è al centro di un progetto europeo Life+ che coinvolge l´Emilia-Romagna e il Lazio, al quale partecipa anche la nostra Agenzia. Edilizia bioclimatica, risparmio energetico, mobilità e menu ecosostenibili sono tra le opzioni più interessanti
- accesso alle informazioni ambientali, una tesi di laurea realizzata in Arpa Emilia-Romagna.

Altre novità nelle rubriche Libri, Legislazione news ed Eventi.

Visualizza l´intero numero sfogliabile      |      Scarica l´intero numero (pdf)

Numeri precedenti


"Alla natura si comanda solo ubbidendole"
Francis Bacon
 

ISSN 2039-0432

 

L’età della responsabilità
Editoriale di Guido Tampieri

Ipcc, dalla verifica una nuova fase di riforma
Sara Venturini, Sergio Castellari

Biodiversità

Fermare l´erosione della biodiversità
Presentazione del servizio

Il valore della vita che ci sta intorno
Jacqueline McGlade

Ora c’è una strategia nazionale condivisa
Marina Andreella, Eugenio Duprè

Meno chimica e una nuova ruralità
Tiberio Rabboni

Nagoya, quanto costa perdere la natura
Giuseppe Bortone

Dall’antropocentrismo a una visione ecocentrica
Gianni Tamino

Rispettare la meravigliosa diversità della creazione
Matteo Mascia

La natura ha un valore, anche economico
Gianfranco Bologna

Servizi ecosistemici e sostenibilità
Riccardo Santolini

Elogio delle piante
Carlo Ferrari

Come cambia la flora in un mondo che si muove
Alessandro Alessandrini, Maurizio Sirotti

La globalizzazione e le specie alloctone
Piero Genovesi

Invertebrati, un esercito che salva il pianeta
Carla Corazza

Il cibo, natura e cultura
Roberto Burdese

Paesaggi marginali e paesaggi mediati
Riccardo Guarino, Patrizia Menegoni

La natura vista con gli occhi del sapere
Carlo Cencini

Il paesaggio è una risorsa non un lusso
Giancarlo Poli

I parchi nazionali, una risorsa per il paese
Giampiero Sammuri

Parchi e aree protette “laboratori” per lo sviluppo
Enzo Valbonesi

La diversità vista anche come fattore di sviluppo
Paola Altobelli

Le Foreste Casentinesi, scrigno di biodiversità
Nevio Agostini, Marco Verdecchia

Scienza e conoscenza per "gestire" la fauna selvatica
Maria Luisa Bargossi

La conservazione delle zone umide
Alessandro Andreotti

I sistemi acquatici interni dell´Emilia Romagna
Luca Melega

Fra terra e mare serbatoi di biodiversità
Carla Rita Ferrari

Mari e oceani, ricchezza e rischi da affrontare
Attilio Rinaldi

Obiettivo tutela degli ecosistemi acquatici
Susanna D´Antoni

Come valutare la diversità biologica
Pierluigi Viaroli, Rossano Bolpagni, Roberta Azzoni, Chiara Spotorno

Qualità ecologica, l´approccio emiliano-romagnolo
Irene Montanari, Monica Carati, Rosalia Costantino, Riccardo Santolini

Agrobiodiversità, un primo bilancio in Emilia-Romagna
Francesco Perri

Dalle antiche varietà risorse genetiche per il futuro
Sergio Guidi

Salute e ambiente, non spezzare la catena
Annamaria Colacci

Artropodi dannosi e agroecologia
Stefano Maini, Giovanni Burgio

Agrofarmaci, neurotossicità ed effetti per insetti pronubi
Bettina Maccagnani

Industria e ambiente

L´impronta ambientale dell´industria italiana. Analisi, problemi, opportunità
Redazione Ecoscienza

Dall´industria pesante all´industria pensante
Luca Carra

Le ecomafie e lo smaltimento dei rifiuti industriali
Gaetano Pecorella

Dalle bonifiche opportunità di sviluppo
Giancarlo Naldi

Quello che resta di uno sviluppo in crisi
Stefano Leoni

Si riparte dal recupero
Daniele Montecchio

Chi inquina paga? L´eredità dell´industria chimica
Paolo Rabitti

Verso una direttiva quadro per la protezione del suolo
Luca Marmo

NORMATIVA - Bonifiche e normativa, lo stato dell´arte
Laura D´Aprile

NORMATIVA - Gli aspetti civilistici relativi alle bonifiche
Luca Prati

L’impresa per il recupero delle aree contaminate
Aldo Fumagalli Romario

Bioremediation, i ritardi dell´Italia
Dario Frascari, Giulio Zanaroli, Massimo Nocentini, Fabio Fava

Aree dismesse e rinascita delle città
Piergiorgio Vitillo

Superare l´impasse delle bonifiche
Marina Dragotto

L’Acna di Cengio e la sua pesante storia ambientale
Giovanni Durante, Federico Grasso

L’impatto dell’industria nel distretto di Napoli
Marinella Vito

Inquinamento e recupero nel crotonese
Vincenzo Barone, Cristina Calenda, Francesco Motta, Teresa Oranges

Con il progetto Remida ecco il fitorimedio
Paolo De Angelis, Angelo Massacci, Paolo Sconocchia

La riqualificazione del sito di Fidenza
Alessia Arelli, Laura Grandi

La gestione ambientale nel Distretto ceramico
Vittorio Boraldi, Fabrizia Capuano

Chimica e ambiente, l’impegno di Ferrara
Elisabetta Nava, Luca Barboni

Falde inquinate e necessità di bonifica
Alberto Bassi

Il polo industriale di Ravenna ieri e oggi
Licia Rubbi

Una cittadella al posto della chimica
Daniela Ballardini

La caratterizzazione del sito di Ravenna
Davide Ceccato

Il porto di Ravenna verso la riqualificazione
Barbara Villani, Daniela Ballardini

Rubriche

Libri

Legislazione news

Eventi

Allineamento Verticale