Agrobiodiversità

Il concetto di biodiversità rurale o agrobiodiversità è un termine che viene utilizzato soprattutto dagli addetti ai lavori. La biodiversità, cioè l'insieme di ambienti naturali e di specie viventi, come animali e vegetali che popolano la biosfera, si sta progressivamente riducendo a una velocità preoccupante. In un secolo si sono estinte 300.000 varietà vegetali e continuano a estinguersi al ritmo di una ogni sei ore. L'agrobiodiversità è essenzialmente legata agli agroecosistemi, cioè agli ecosistemi naturali modificati dall'uomo al fine di renderli produttivi attraverso l'agricoltura.
La forte spinta all'intensivazione delle coltivazioni in Italia, ha portato al rischio di estinzione oltre 1.500 varietà di frutta, mentre per le specie animali negli ultimi cinquant'anni abbiamo perso cinque specie di bovini, tre di caprini, sette di equini, quattro di asini e ben dieci tra ovini e suini. La biodiversità, sia vegetale che animale può essere vista anche come processo evolutivo e di relazione fra diversità ambientali e culturali che producono una grande diversità di prodotti agricoli e gastronomici connessi a un territorio specifico. In questo senso salvare la biodiversità significa salvare un patrimonio genetico, economico, sociale e culturale di straordinario valore, fatto di eredità contadine e artigiane non sempre scritte ma ricche e complesse. La scomparsa di varietà o di razze invece significa purtroppo la rinuncia ai sapori autentici legati al territorio e alla cultura dell'uomo che ha saputo selezionare nel tempo questo variegato insieme di sapori e saperi.
Nel nostro territorio, grazie alla lungimiranza di imprenditori agricoli sensibili e attenti, possiamo ancora trovare alcune razze animali che, a livello nazionale, hanno raggiunto un numero così limitato da rischiare l'estinzione. Consumare vecchie varietà fruttifere o carne di razze autoctone, spesso dal gusto inimitabile, più sane e sostenibili in termini ambientali, è un incentivo per la salvaguardia di questo patrimonio genetico.

Vai a Agricoltori custodi della biodiversità

Vai alle Schede dei frutti antichi

ultima modifica 2020-11-27T21:13:58+02:00