Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Struttura Daphne / In Daphne / Report ambientali Daphne /

Bioaccumulo di microinquinanti nella rete trofica marina.

I quaderni di Arpa

L´Adriatico è un mare inquinato, povero di vita... errate convinzioni di un luogo comune più diffuso di quanto si possa credere. Una credenza sbagliata anche perché in forte contrasto sia con i dati analitici prodotti da molti istituti di ricerca e agenzie altrettanto titolate, che con i riscontri oggettivi sulla pesca che danno ancora oggi all´Adriatico la patente di mare più pescoso del Mediterraneo.
Per acquisire informazioni aggiornate sul reale stato di inquinamento generato da molecole potenzialmente pericolose e persistenti, nel 2003 si diede vita a un programma finalizzato allo studio dei livelli di inquinamento negli organismi viventi.
L´areale interessato dal progetto era quello marino antistante la costa della nostra regione. Si decise di analizzare la questione sulla catena trofica focalizzando l´attenzione su raggruppamenti e specie che rappresentavano posizioni chiave nella rete alimentare; dal fitoplancton fino ai grandi predatori passando dallo zooplancton, dai filtratori e dai piccoli predatori. Si seguì sia la vita pelagica che quella bentonica per avere un quadro più "ecosistemico" del problema.
Dai dati acquisiti si può affermare che l´Adriatico non è più inquinato degli altri mari italiani e del Mediterraneo.
Questo quaderno rappresenta pertanto un punto fermo e attuale sul reale stato di inquinamento presente negli organismi che vivono e frequentano l´Adriatico nord-occidentale, quella parte di Adriatico che più di altre viene investita dagli apporti del fiume Po. Aver acquisito informazioni e dati affidabili su questa materia rafforza lo stato delle conoscenze ambientali.
Un particolare ringraziamento va rivolto a Paola Martini della Struttura Oceanografica Daphne di Arpa Emilia-Romagna e ai colleghi della Sezione Provinciale dell´Arpa di Ravenna. La loro perseveranza e professionalità hanno reso possibile la realizzazione di quest´opera.

Attilio Rinaldi
Direttore Struttura Oceanografica Daphne

 

Il libro è disponibile anche in formato ebook.

di Paola Martini, con la collaborazione di Gabriele Castellari, Ivan Scaroni, Carla Rita Ferrari, Attilio Rinaldi

Anno riferimento: 2010

Quaderno Arpa Bioaccumulo

Numero pagine: 186
Anno pubblicazione: 2010




Materia: Mare

Nodi: ex Arpae Ravenna vedi Area Est , Struttura Oceanografica Daphne

Tipologia: Tecnico/istituzionali