Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Rimini / Dati e report / Report ambientali a Rimini /

Campo elettrico prodotto da Stazioni Radio Base "SRB" nel comune di Rimini - anno 2010

Monitoraggio dei tecnici di Arpa

 

 

 

Con Convenzione datata 15/07/2010 il Comune di Rimini ha incaricato ARPA Sezione di Rimini di effettuare nell’anno 2010 la campagna di monitoraggio dei livelli di campo elettrico in edifici prossimi a Stazioni Radio Base nel territorio comunale.
Il monitoraggio in precedenza si era articolato negli anni 2003, 2004, 2005, 2006 e 2007.
L’obiettivo primario del progetto è stato quello di monitorare 100 Stazioni Radio Base attive nel Comune di Rimini (indicate nell’elenco allegato alla Convenzione), per poter definire lo stato dell’inquinamento elettromagnetico all’interno degli edifici adibiti a permanenze non inferiori a quattro ore, ubicati nelle immediate vicinanze degli impianti di Stazioni Radio Base.
Tra le SRB da monitorare sono stati considerati anche gli impianti DVB-H (sistemi di trasmissione del segnale televisivo digitale su terminale mobile quale il telefono cellulare) in quanto la loro collocazione sul territorio e le caratteristiche radioelettriche li rendono analoghi agli impianti per la comunicazione cellulare.
La pianificazione e realizzazione della campagna di monitoraggio ha previsto, nel caso di SRB mai monitorate negli anni precedenti, una fase di sopralluoghi per individuare gli edifici maggiormente esposti; negli altri casi, sono stati scelti gli edifici ritenuti significativi cioè quelli per i quali nei monitoraggi precedenti si erano rilevati i valori più alti di campo elettrico.

CONCLUSIONI

Le misurazioni del campo elettrico prodotto dalle SRB sono state effettuate in corrispondenza degli edifici adibiti a permanenze non inferiori a quattro ore, ubicati nelle immediate vicinanze degli impianti stessi.
L’impostazione metodologica dello studio ha previsto la pianificazione e realizzazione di una campagna di misure negli edifici ritenuti significativi all’intorno delle SRB, preferibilmente quelli con livelli stimati maggiori di 3 V/m, per quantificare il livello di campo elettrico esistente.
In generale si è considerato di effettuare controlli strumentali in un edificio per ogni SRB indicata ma nei siti particolarmente complessi si è scelto di monitorare più edifici per una stessa SRB.
Da quanto detto risulta pertanto che sono state effettuate 105 misurazioni su 100 SRB da controllare.
Si specifica che dalle 105 misurazioni effettuate non è mai risultato superato il valore di attenzione per il campo elettrico, fissato in 6 V/m dal DPCM 8 luglio 2003 in corrispondenza di edifici adibiti a permanenze non inferiori a quattro ore. Il valore di campo elettrico massimo misurato risulta 5.2V/m.
Nelle pagine della relazione sono inseriti due grafici: il primo riporta la distribuzione in classi dei valori di campo elettrico misurato; il secondo rappresenta la stessa distribuzione in forma percentuale.
In particolare si delinea che il 40% dei valori risulta inferiore a 1 V/m mentre il 69% sul totale delle misurazioni condotte risulta inferiore a 2 V/m. Nella tabella 1 è riportato l’elenco dei siti e delle SRB oggetto di rilievi; in tabella 2 sono elencati i punti di monitoraggio e i corrispondenti valori di campo elettrico rilevati.

 

bagli, Vecchione, Tani

Anno riferimento: 2010

Anno pubblicazione: 2011




Materia: Campi elettromagnetici

Nodi: ex Arpae Rimini vedi Area Est

Tipologia: Tecnico/istituzionali