Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Amianto polveri e fibre / Argomenti / Silice /

Campionamento ed analisi

COME SI CAMPIONA

La silice libera cristallina può essere pericolosa per la salute solo se inalata.
La norma UNI EN 481 classificata la polveri in: frazione inalabile, frazione toracica e frazione respirabile. Nel caso della silice cristallina, è la frazione respirabile della polvere a destare preoccupazione per i suoi effetti sulla salute.

Ai fini del prelievo della frazione respirabile per la successiva determinazione della silice libera cristallina di un aerosol, è necessario impiegare un dispositivo che permette di prelevare la frazione respirabile del particolato aereodisperso secondo i criteri definiti dalla norma UNI EN 481 e che soddisfi i requisiti prestazionali generali citati dalla norma UNI EN 482.

COME SI ANALIZZA

Per la determinazione dell´esposizione a silice libera cristallina sono sostanzialmente utilizzate due tecniche analitiche: spettrometria infrarossa a trasformata di Fourier (IRTF) e difrattometria a raggi X (DRX).

Per entrambe esistono e sono applicate numerose metodiche messe a punto e validate da autorevoli organismi internazionali.
Tuttavia la DRX, basata sulla risposta delle fasi cristalline all´irraggiamento con raggi X, è la tecnica attualmente più utilizzata in Italia per la determinazione della SLC su filtro.

Anche il Laboratorio di Arpa  Reggio Emilia utilizza la tecnica della difrattometria a raggi X per la determinazione della SLC applicando il metodo UNI 10568/97 modificato.
La lettura viene fatta direttamente su filtro, la risposta è confrontata con rette di calibrazione ottenute con standard preparati in camera di impolveramento. La camera di impolveramento  riproduce un ambiente contaminato da SLC con flusso di prelievo, selettore e membrane uguali a quelli che si utilizzano nei campioni prelevati negli ambienti di lavoro, questo permette di tenere sotto controllo queste variabili che sono determinanti al fine dell´analisi.

Attualmente nel nostro laboratorio esistono due curve di taratura create utilizzando il selettore GS3 multi-inlet (tipo Door-Oliver modificato) ed il selettore SKC (tipo Higgins-Dewell Casella).

All´interno del programma di qualità del Laboratorio di Arpa Reggio Emilia è in atto la partecipazione al circuito di intercalibrazione per la determinazione della silice libera cristallina aereodispersa, organizzato dall´Inail.